Mercoledì 23 Gennaio 2019, 11:53

Telecamere nelle scuole e nelle case di riposo: sorvegliati contro gli abusi

PER APPROFONDIRE: abusi, ospedali, scuole, telecamere, veneto
Telecamere nelle scuole e nelle case  di riposo: sorvegliati contro gli abusi

di Alda Vanzan

I direttori delle case di riposo, come così i dirigenti delle scuole materne, sono avvisati: se a Roma accetteranno la proposta approvata ieri dal consiglio regionale del Veneto praticamente all'unanimità (due sole astensioni, neanche un voto contrario), i loro uffici saranno videosorvegliati. Ci saranno telecamere negli uffici dei direttori, dei dirigenti e pure degli impiegati. E questo riguarderà tutte le strutture che si occupano di persone deboli: anziani, minori, malati.

PARLA L'ESPERTO Telecamere a scuola, Paolo Crepet: «Non è prevenzione, in primis vanno valutati gli insegnanti»



TUTTI SORVEGLIATI - VOI COSA NE PENSATE? DITE LA VOSTRA: VOTATE IL SONDAGGIO

Naturalmente i sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso saranno installati principalmente nelle stanze dove si trovano i piccoli degli asili nidi e delle materne e gli anziani ospiti delle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali, ma saranno estesi anche ai vertici. Appunto, i direttori. La proposta di legge originaria non prevedeva l'estensione delle telecamere agli ammministrativi. La norma presentata dal leghista Alberto Semenzato
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Telecamere nelle scuole e nelle case di riposo: sorvegliati contro gli abusi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2019-01-23 17:14:16
Male non fare paura non avere! Le telecamere sapendo che ci sono sono sicuramente un utile mezzo di dissuasione e quindi di prevenzione ma non è, a mio modesto, avviso la soluzione. Mi spiego meglio, insegnanti, infermieri, medici, assistenti socio-sanitari, etc. etc. svolgono un attività logorante specie se svolta con passione e non con distacco può portare a involontarie ripercussioni dal punto di vista psicologico e caratteriale da farli sfociare in atteggiamenti del tutto estranei e contrari alla loro vocazione (cd. "BURN OUT"), significando che anche questi dovrebbero accedere alle professioni non solo per titoli ed esami ma anche per accertamenti psico-attitudinali da ripetersi periodicamente nel corso degli anni oltre ad offrire loro colloqui, centri di ascolto e adeguato supporto psicologico. Peraltro Genitori nelle Scuole prima di diseducare, reagire anche violentemente, sindacare, fare lamentele, esposti e denunce(spesso interessate) dovrebbero per legge essere obbligati, almeno un giorno all'anno a stare in classe, per vedere i risultati della loro educazione, l'impegno nello studio dei loro figli e poi, semmai fossero in grado le capacità o meno degli insegnanti. Idem per quanto riguarda gli anziani, specie quelli "parcheggiati" negli Ospizi...da sedicenti parenti...12 ore di sentimento vicinanza, quindi di fisica permanenza in quegli ambienti potrebbe esser sufficiente ad analizzare gli standard delle attenzioni che sono rivolte agli ospiti dalla struttura in termini di professionalità, pulizia, mensa, servizi..etc.
2019-01-23 16:34:19
Nessuno però chiede a gran voce un miglioramento della qualità dei servizi nido-scuole-case di riposo. Se si investisse per seguide insegnanti e operatori non solo in entrata ma durante tutto il servizio, se si investisse in compresenze, in formazione permanente, in sostegno dato dagli psicologi, se non ci fossero più classi pollaio le telecamere servirebbero molto molto meno e comunque queste non hanno uno scopo preventivo, intervengono solo a danno fatto. Non migliorano la qualità dei servizi. Alle volte le classi sembrano allevamenti intensivi e so per certo di turni in casa di riposo in cui c'è un operatore con 30 anziani. Non può essere che l'unica buona idea che ci venga in mente sono le telecamere
2019-01-23 17:22:38
Non credo sia un'idea, tantomeno buona. E' il sottofondo per un grosso ordine di telecamere.
2019-01-23 16:00:54
Viviamo in un mondo imperfetto, la tecnologia a sevizio dei più deboli è necessaria, ma dobbiamo non cadere in sindromi da mo-viola specie nei ricoveri.
2019-01-23 15:37:46
Chi scarica le proprie frustrazioni con inaudita cattiveria,su esseri umani completamente indifesi e puri come bambini e persone anziane,deve essere controllato ,anche quando si reca al bagno...,ma soprattutto deve aver la forza di chiedere aiuto e riconoscere ,che certi lavori ,non li deve fare ...