A22, Toninelli ordina ispezione dopo caos neve: «Gestione tornerà pubblica». Ma lo è già all'85%

PER APPROFONDIRE: a22, danilo toninelli, maltempo, neve
Caos A22, Toninelli ordina ispezione: «La gestione tornerà tutta pubblica»
Mentre sull'A22 il traffico torna lentamente alla normalità dopo il caos neve di ieri, il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli interviene ordinando un'ispezione e annunciando il passaggio dell'autostrada sotto la gestione pubblica. «Vogliamo vederci chiaro sui disagi che si sono verificati negli ultimi giorni sulla A22 autostrada del Brennero. È infatti già in corso un'ispezione per verificare che il concessionario sia intervenuto adeguatamente per garantire la sicurezza degli utenti, come prevede la convenzione». 

Toninelli ricorda che la concessione è scaduta da anni e si è «ad un passo dal rinnovo con una gestione totalmente pubblica e più conveniente». «Nonostante ciò l'attuale concessionario, la cui gestione non si può dire sia stata soddisfacente in questi giorni, e che in questi anni di proroga ha continuato a godere di ricchi profitti, ha fatto ricorso contro la rivoluzione che stiamo mettendo in atto. Una scelta incomprensibile, a meno che la si legga alla luce del tentativo di continuare a guadagnare con gli enormi dividendi di una concessione che non vorrebbero finisse mai». «Ma noi non ci fermeremo - conclude - siamo convinti della rivoluzione nella gestione delle autostrade che stiamo portando avanti. Una rivoluzione che garantirà pedaggi più bassi ed equi, servizi migliori e utili reinvestiti sul territorio».

 



LEGGI ANCHE A22, Toninelli vuole una gestione pubblica ma lo è già all'85%

Per questo scopo è già stata creata la Brenner Corritor da parte della Regione Trentino Alto Adige con la partecipazione delle due province autonome. Alla società dovrebbero aggregarsi altri enti territoriali e, probabilmente, alcuni comuni. Via tutti i privati. È questo il progetto al quale si starebbe lavorando. L'obiettivo è anche ridurre le tariffe limitando gli extraprofitti e i dividendi.

La nuova concessione alla quale si sta lavorando prevede una nuovo schema di tariffa, regolata dall'autorità dei Trasporti (Art). Il pedaggio dovrà così rispettare l'efficienza del servizio reso e anche gli investimenti, valutando quelli fatti realmente e non quelli presunti. Tra gli obiettivi del ministero è anche quello di ridurre i dividendi per la società, che nel 2017 si sono attestati sui 33 milioni, portandoli a 2-3 milioni di euro che rimarrebbero quindi tutti sul territorio.

Rimangono comunque alcuni nodi da sciogliere prima di cambiare la concessione. Il principale è quello degli extraprofitti dell'attuale Autobrennero spa che secondo il ministro Toninelli dovrebbero tornare allo Stato perché realizzati negli anni un cui la concessione era già scaduta e che gli attuali soci non vogliono restituire. L'ultima proposta fatta dal ministro è quella di riportare queste risorse nella nuova convenzione per riequilibrare il rapporto tra investimenti e tariffe, abbassando così i pedaggi per chi inquina meno.


Dalle 23 di ieri la A22 è di nuovo percorribile in entrambe le direzioni nella parte altoatesina. Il tratto in direzione nord tra Chiusa e Vipiteno, rimasto chiuso dalle 8 di ieri mattina, è stato inizialmente riaperto per una sola corsia. La circolazione comunque, a causa della notevole presenza di neve, è possibile con cautela e le dotazioni invernali adeguate.

La strada statale 12 del Brennero è stata anch'essa liberata e pulita con lame spalaneve e mezzi spargisale e dalle 2 di oggi è nuovamente percorribile in entrambe le direzioni fino a Vipiteno, anche questa con l'attenzione necessaria al fondo stradale non del tutto pulito. Rimane chiusa nell'ultimo tratto, quello della Val di Vizze tra Vipiteno e il passo del Brennero. I vigili del fuoco, alle 2 di stamani hanno contato più di 400 interventi, di cui 140 in città a Bolzano.

Nella notte si sono formate nel tratto di confine code anche in direzione sud, in corrispondenza del tratto chiuso per tutta la giornata di ieri in nord. Prima della mezzanotte le code erano arrivate a 6 chilometri, per ridursi fino ad azzerarsi dopo che la circolazione in nord è stata ripristinata. Il limite delle nevicate oggi è tra i 700 e i 1.000 metri di quota nella zona.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 3 Febbraio 2019, 16:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
A22, Toninelli ordina ispezione dopo caos neve: «Gestione tornerà pubblica». Ma lo è già all'85%
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-02-04 11:52:07
speriamo di no, non sanno gestire le strade nazionali dove nevica una volta ogni tanto (bastano 5 cm. per mandare in tilt Roma e compagni) figuriamoci le autostrade.(del Nord) dove per colpa di qualche autista + camion non specifichiamo la provenienza,con gomme liscie e senza catene si avventurano in montagna roba da galera.e non venite a raccontare che non c'era nessuna indicazione sono balle era scritto in Italiano e pure in Tedesco e questo e certo fatta venerdi 1.2.2019 rientrando in germania.N.B. strada statale, Passo Fern 2 metri di neve tutto pulito
2019-02-04 09:33:32
povero Toninelli non sà mai cosa dire e quel poco che dice è pure sbagliato. mandatelo a casa a zappare la terra sto incapace
2019-02-04 08:56:38
Il Toninelli rappresenta la quintessenza del Potere pentastellato: il nulla elevato a classe dirigente!!! Autobrennero e Autovie Venete non solo sono pubbliche da sempre ma stanno lottando con le unghie e coi denti per rimanerlo, sfugendo con sotterfugi - appoggati dalla Politica - agli obblighi di mettere le concessioni all'asta imposti dall'Unione Europea: la quale aveva come fine quello di far prevalere la concorenza, al contrario dei nostri enti pubblici il cui fine e' continuare a mungere la vacca senza controll e senza pudore!
2019-02-04 08:24:01
"A22, Toninelli ordina ispezione" Bene, cosi il Ministro dei trasporti scoprirà che al Brennero non esiste il tunnel !
2019-02-04 05:56:46
Forse non lo sapeva, o forse lo sa e vuole anche quel" 25 per cento in piu'". Guardi che e'15 per cento.... Allora la gestiamo al 110 per cento!