Zona arancione da domenica, ecco tra quali comuni ci si potrà spostare per vedere amici o parenti

Venerdì 15 Gennaio 2021 di Redazione
La mappa del Fvg
1

PORDENONE - Sono trenta, i Comuni della provincia sotto i 5mila abitanti che rientreranno tra i paesi oggetto di deroga in zona arancione. Ma durante i giorni della stretta non ci si potrà spostare tra tutti i borghi che fanno parte del “club”, perché conterà la distanza, fissata in un massimo di 30 chilometri. Entro questo raggio saranno possibili (una volta al giorno e in due persone) le visite ad amici e parenti. Si parte dalla montagna. Da Erto e Casso a tutta la Valcellina spostamenti possibili, tranne che da Erto e Casso ad Andreis. Sempre in fascia montana ci sono Travesio, Meduno, Cavasso, Castelnovo, Frisanco, Vito d’Asio, Clauzetto, Tramonti di Sopra e Tramonti di sotto. Curioso il caso relativo a questi ultimi due comuni: da Tramonti di Sotto, ad esempio, si potrà andare a Clauzetto, mentre da Tramonti di Sopra no. Nella fascia pedemontana sotto i 5mila abitanti si trovano Montereale, Polcenigo, Budoia, Sequals, Vajont, Pinzano, Fanna, Arba, Vivaro, e Budoia. In pianura, invece, ecco San Giorgio, San Quirino, Valvasone Arzene, Pravisdomini, Cordovado, Morsano e San Martino. Ecco alcuni esempi: da Pravisdomini non si potrà raggiungere la Pedemontana: il raggio massimo arriva a Valvasone. Niente da fare per un ipotetico collegamento tra Barcis e Polcenigo, così come da Arba a Polcenigo. Va ricordato anche che sono possibili allo stesso modo i trasferimenti che valicano il confine provinciale. Un cittadino di Valvasone Arzene, ad esempio, potrà raggiungere Dignano. I criteri restano gli stessi due: distanza inferiore ai 30 chilometri e meno di cinquemila abitanti in entrambi i paesi, quello di partenza e quello di arrivo. Sarà quindi possibile andare in provincia di Udine, come da Pinzano a Ragogna, superando il Tagliamento.

 

Ultimo aggiornamento: 13:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA