A Fontanafredda il primo whisky distillato e prodotto interamente in Friuli

Martedì 11 Gennaio 2022 di Redazione
La prima distilleria di whisky in Fvg

FONTANAFREDDA - Sarà il Friuli, più esattamente Fontanafredda, ad inaugurare la prima distilleria della regione per la produzione di whisky. Con un investimento di oltre 2 milioni di euro sarà Bottega spa, una delle aziende vinicole venete più conosciute (esporta i suoi vini e le sue grappe in 148 Paesi nel mondo per un fatturato che nel 2021 ha toccato i 67,7 milioni di euro) a dar vita al primo whisky tutto italiano. E Bottega lo produrrà, come detto, nella cittadina dove ha un sito (sono ben 5 dislocati tra Veneto, Friuli e Toscana) produttivo e logistico di 12 mila metri quadrati, che è stato inaugurato qualche mese fa. 


LA NASCITA


«Da molto tempo pensavamo di creare un buon whisky - ha detto Sandro Bottega, presidente dell’azienda che porta il suo nome e che ha la sede principale nel trevigiano -, e lo spazio di Fontanafredda ci ha convinto ad iniziare. Impianti altamente sofisticati, metodi di produzione molto complessi, ci permetteranno di iniziare con 250 mila bottiglie, per poi portarle ad un milione entro 5-7 anni - ha proseguito l’imprenditore -. A Fontanafredda disponiamo già del nuovissimo impianto di distillazione per la grappa e il gin, per cui si tratterà soltanto di ampliare la produzione di distillati. Contiamo di essere operativi già dalla prossima estate - assicura il presidente della spa - e, ovviamente, avremo bisogno di assumere più di qualche dipendenti che formeremo in sede, oltre ad altre persone che dovranno rivestire invece vari incarichi».


GIRO D’AFFARI


La prima stagione dovrebbe permettere all’azienda di ottenere un giro d’affari tra i 6 e gli 8 milioni di euro, questa la previsione del presidente. «L’whisky è un distillato di eccellenza, il più venduto al mondo. Solitamente quando parliamo di whisky pensiamo alla Scozia o all’Irlanda - ha sottolineato Bottega -. Ma siamo talmente ambiziosi da pensare di crearne uno di ancor più rinomato, anche perché potremo contare su materie prime quali l’oro, il grano e il luppolo, tutte coltivate in Italia, riconosciute universalmente come i cereali più buoni al mondo». 


PRODUZIONE E FUTURO


Bottega nelle sue cantine conosciute in molti Paesi, produce dall’Amarone al Chianti, dal Cabernet al Brunello, tanto per citarne alcuni, oltre a grappe e liquori di frutta e infusi naturali. Bottega, sempre quest’anno, dovrebbe già dover ampliare la sede di Fontanafredda di almeno altri 2 mila mq per ragioni logistiche ed anche in questo caso serviranno nuove assunzioni.

 

Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio, 10:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA