Fino al 31 dicembre 2023 vietato dare da mangiare ai piccioni: multe fino a 150 euro

Da qui la necessità di tutelare la salute pubblica dal possibile emergere di patologie riconducibili alla eccessiva diffusione di piccioni

Mercoledì 30 Novembre 2022
Sacile, ordinanza vieta dare cibo ai piccioni

SACILE - Fino al 31 dicembre del prossimo anno sarà vietato su tutto il territorio comunale somministrare cibo a piccioni, colombi, tortore e loro ibridi, attraverso la distribuzione di granaglie, scarti, avanzi alimentari o comunque sostanze che li possano alimentare. Lo stabilisce l'ordinanza del sindaco sindaco Carlo Spagnol e, scaduto il termine previsto dalla stessa, dopo una valutazione degli esiti raggiunti, potrà essere eventualmente oggetto di proroga. Il provvedimento fa seguito alle sempre più frequenti segnalazioni da parte di cittadini e amministratori di condomini, riguardanti gli inconvenienti igienici derivanti dalla presenza, in ambito urbano, di un cospicuo numero di colombi. Specie che è in costante aumento soprattutto nel centro cittadino, come conferma una diffusa presenza di guano su piazze, vie e cornicioni di diversi edifici.


L'AUMENTO
Un incremento del numero dei colombi incentivato, secondo il sindaco, anche dalla somministrazione di cibo da parte delle persone. Da qui la necessità di tutelare la salute pubblica dal possibile emergere di patologie riconducibili alla eccessiva diffusione di piccioni. E, allo stesso tempo, per migliorare la situazione di degrado a causa della presenza di escrementi o aree, marciapiedi, piazzali, cornicioni del centro città. Anche la comunicazione dell'Azienda sanitaria Friuli occidentale nella quale è stata evidenziata l'opportunità di adottare il divieto di somministrazione di granaglie o altro alimento ai colombi o similari, ha indirizzato il sindaco verso la decisione di vietare fino al 31 dicembre 2023 la somministrazione su tutto il territorio comunale di cibo ai piccioni.


LE SANZIONI
Spagnol si riserva inoltre, valutati gli esiti dovuti all'adozione del provvedimento, l'emissione di ulteriori provvedimenti della medesima natura. Vale a dire che potrebbe ordinare azioni che impediscano l'abitudine dei piccioni e colombi ad occupare soffitte, solai e sottotetti che offrono riparo e luogo per la nidificazione, oltre a quella che impedisce di dare qualsiasi tipo di alimento ai volatili. Il comando di polizia locale è stato incaricato di far rispettare l'ordinanza. Ai trasgressori verrà applicata una sanzione amministrativa che va dai 25 euro ai 150 euro.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci