In Fvg 16.500 dosi del vaccino Pfizer, in settimana si può ripartire anche con le prime inizeioni

Domenica 24 Gennaio 2021
Le vaccinazioni in Fvg

PORDENONE E UDINE - In Friuli Venezia Giulia sono in arrivo 16.500 dosi del vaccino Pfizer. La conferma è arrivata ieri pomeriggio a margine del vertice tra il vicepresidente della Regione, Riccardo Riccardi, e la task force friulana per la lotta al Covid. E, notizia ancora più importante, grazie a una fornitura finalmente tornata su buoni livelli, in regione si potrà ripartire anche con le prime dosi, interrotte ormai da più di una settimana dopo i ritardi comunicati dal colosso farmaceutico americano. La fornitura in arrivo giovedì sarà composta sia dalle 10.500 dosi “nuove”, direttamente dallo stabilimento belga di Puurs (dove ha sede la produzione europea di Pfizer), che dalla redistribuzione figlia degli ammanchi delle scorse settimane. 

IL COMMENTO

“Dati alla mano – spiega il vicepresidente Riccardi – le prime dosi già somministrate ammontano a 33 mila 487 unità mentre la seconda inoculazione è stata invece effettuata a 2 mila 633 persone; ciò significa che, per completare il ciclo, al richiamo dovranno sottoporsi 30 mila 845 persone. Di queste ultime, 12 mila 621 unità erano già state prenotate per la settimana compresa dal 25 al 31 gennaio”. “Sul fronte delle dosi – chiarisce ancora il vicegovernatore – quelle consegnate ad oggi ammontano a 51 mila 745 unità mentre quelle residue, tolte quindi quelle utilizzate per la prima e la seconda inoculazione già effettuate, sono pari a 15 mila 634. La conferma della fornitura da parte della gestione commissariale di 16 mila 500 dosi con una parte in recupero di quelle non consegnate nei giorni scorsi e quelle ad oggi residue, ci permette di arrivare ad un totale di oltre 32 mila vaccini che ci permetteranno di completare il ciclo in questa prima fase”. Per quanto riguarda infine la prosecuzione del programma di vaccinazioni in regione “questi numeri – conclude Riccardi – ci permetteranno di riaprire le agende per somministrare la prima dose alle persone a cui non è stata ancora inoculata, operazione quest’ultima che potrà avvenire nella seconda settimana di febbraio. Da domani, invece, ricominceremo a vaccinare le prime dosi che erano state bloccate la scorsa settimana a seguito dello stop nelle operazioni di consegna e proseguiremo anche con il richiamo. Tutto ciò – conclude il vicegovernatore - in attesa di capire quale sarà la programmazione possibile a partire dalla settimana successiva all’ultima di gennaio”.

 

Ultimo aggiornamento: 19:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA