Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brugnera, Dorina Potica, mamma di due bambine morta di tumore

Martedì 9 Agosto 2022 di Chiara Muzzin
Dorina Potica

BRUGNERA (PORDENONE) - È riuscita a dare l'ultimo saluto al marito e alle sue due bambine dal letto dell'Hospice di San Vito e pochi minuti dopo se n'è andata per sempre. Si è spenta domenica pomeriggio, a 37 anni (ne avrebbe compiuti 38 il 4 settembre) Dorina Potica, di origine moldava che da molti anni abitava a Maron di Brugnera. Dal 2020 combatteva contro un male aggressivo. «Alla fine del 2020 il tumore sembrava superato, dopo le terapie e un intervento», ha spiegato il marito Marin Potica. «Avevamo deciso di goderci il 2021 con tutte le nostre forze ha continuato il 38enne e di comprare una casa. All'inizio di quest'anno, però, si è ripresentata la bestia che si è portata via la mia Dorina». Marian sta raccogliendo le forze per crescere le due figlie: Jennifer, di 12 anni, e Sara, di 9. Dorina ha trascorso gli ultimi 40 giorni della sua vita all'Hospice di San Vito, dove il marito andava a trovarla due volte al giorno: una volta con la suocera e una con le bambine. «A volte dici: cos'è il destino? - ha raccontato Marian domenica, per qualche motivo, Jennifer e Sara hanno scelto di andare a trovare la mamma al pomeriggio, invece che di mattina, come erano abituate. Dorina, dopo aver visto sua mamma la mattina, nel pomeriggio era come se ci aspettasse. Ci ha lasciati dopo neanche dieci minuti dal nostro arrivo. Ma non è solo il destino, è la forza di volontà».


IL RICORDO


Marian e Dorina si erano conosciuti a Roma una ventina di anni fa, dove hanno cominciato a frequentarsi subito, per poi rimanere sempre insieme. Il trasferimento a Maron di Brugnera risale al 2005. L'uomo, originario della Romania, lavora alla Friul Intagli da quando è arrivato nel pordenonese. «Grazie al supporto di Dorina, oltre che dell'azienda, ora non sono un operaio, ma ho ottenuto un ruolo intermedio, con più responsabilità», ha sottolineato Marian. «Mia moglie ha fatto meno esperienze lavorative, le sarò sempre grato per essersi occupata delle bambine». Bambine che stanno crescendo in fretta, e che dopo aver visto la mamma, domenica, con maturità hanno affermato: «Non ci saremmo mai perdonate, se non l'avessimo salutata in tempo», ha raccontato il papà. Un saluto già straziante, reso ancora più doloroso dal covid (che ha colpito Dorina), che ha rischiato di non renderlo possibile. E invece, tutti bardati, i familiari sono riusciti a vedersi, almeno per un momento. «Dorina sarà sempre presente, anche se non fisicamente, e continuerà a guidare la nostra famiglia, ne sono sicuro», ha affermato Marian, che ha voluto esprimere «gratitudine per il personale dell'Hospice per averla accompagnata». I funerali verranno celebrati oggi, alle 11, nella chiesa San Michele Arcangelo di Maron.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci