Il testimone: «Ragone procurava anabolizzanti». Parte civile: infondato

Trifone Ragone

di Cristina Antonutti

UDINE - È stata un'udienza carica di tensione in Corte d'assise a Udine. A tratti sembrava che fosse un processo alla vittima e al suo stile di vita, più che all'imputato Giosuè Ruotolo, chiamato a rispondere dell'omicidio di Trifone Ragone e Teresa Costanza. È stata rivangata la pista degli anabolizzanti, si sono riaccesi i riflettori sulle relazioni sentimentali del caporal maggiore di Adelfia e sulle esibizioni in discoteca a 150/200 euro a serata.

«Uccisi di nuovo», mormora la madre Eleonora Ferrante quando il presidente Angelica Di Silvestre aggiorna l'udienza al prossimo lunedì. «Uccisi di nuovo - mormora - ma la verità è prorompente». Il suo avvocato, Serena Gasperini, taglia corto: «Tutto già chiarito. Dalle indagini è emerso che erano solo fatti infondati».



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 21 Febbraio 2017, 09:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il testimone: «Ragone procurava anabolizzanti». Parte civile: infondato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-02-22 13:28:57
fatti infondati. l'avvocato avrebbe dato sua figlia in moglie a quel signore?
2017-02-21 13:00:02
Figuriamoci! Con quella faccia e che voglie da esibizionista!