Disattenti e passivi durante la messa: test sulla fede ai parrocchiani

PER APPROFONDIRE: fede, parrocchia, sacile, test
Disattenti e passivi durante la messa: test sulla fede ai parrocchiani

di Michelangelo Scarabellotto

SACILE - Sarà un questionario predisposto dal Gruppo di lavoro attivato dal Consiglio pastorale, e distribuito ai fedeli durante le messe in Duomo, a fornire indicazioni su cosa rappresenta la messa per loro, quale il momento particolare della stessa, se si sentono coinvolti ma anche se la vivono come un momento personale o di comunità, se vi assistono passivamente o se vi partecipano e infine se cambierebbero qualche cosa dell'attuale celebrazione. Perché questa particolare attenzione alla Messa domenicale? «Anche la nostra parrocchia - sottolinea il parroco don Graziano De Nardo - ha recepito l'indicazione del vescovo Corrado Pizziolo a rivolgere l' attenzione alla messa domenicale. Ci stiamo confrontando sia all'interno del consiglio pastorale sia con i rappresentanti delle cinque parrocchie della nostra unità pastorale per fare una verifica su come vengono celebrate le liturgie domenicali e per mettere a fuoco delle possibilità di rinnovamento». Perché si è pensato al tema della messa? «Nella sua lettera pastorale il vescovo dice che la celebrazione eucaristica di domenica incrocia e coagula varie istanze che la diocesi sente come appelli urgenti. Questa priorità corrisponde a una verità profonda: la messa domenicale è il culmine e la sorgente della vita cristiana...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Febbraio 2018, 05:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Disattenti e passivi durante la messa: test sulla fede ai parrocchiani
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2018-02-04 10:17:06
Suggerisco al prete, durente l'omelia, di inserire la frase "che belle pere", a quel punto, con un aiutante, dovrebbe contare gli occhi sgranati. Bene, avrebbe immediatamente la frazione dei fedeli che erano attenti sul totale degli stessi.
2018-02-03 08:51:18
Il problema non è la distrazione durante la messa ma l'ipocrisia della stragrande maggioranza dei fedeli prima e dopo la messa.
2018-02-03 18:17:39
Sera Red....anche quello, verissimo quello che dici sebbene arrivi da una "non esperta" (non ti offendi vero? :-) ). La messa alla domenica è per la stragrande maggioranza un lavoro da fare (dai che andemo messa che xe domenega, el xe un mestier fatto ),visto come un dovere, un obbligo o peggio una abitudine quando invece si dovrebbe andare perché ne senti il bisogno. Dal tuo uomo ci vai mica per dovere...no? Questa è la grande ipocrisia. In più io direi che non sono i veri credenti che non vanno a messa ad essere il problema, ma i non credenti che ci vanno... buon fine settimana.
2018-02-02 19:09:45
Ma se uno si distrae che succede ? Interrogano ? Con penitenza per chi non risponde ? La Messa dovrebbe essere abbastanza "concisa" per tenere davvero desta l'attenzione. Un eccesso di canti (stonati) letture "monocorde" e prediche ridondanti sono i classici strumenti utilizzati dal demonio per distrarre i fedeli ;-)
2018-02-03 18:27:29
Mi scusi maurizzzio, ma se per andare a messa ci fossero le condizioni che dice lei, allora è molto meglio non andarci. La messa non è uno spettacolo, non deve nemmeno dipendere dal prete,....è ben di più. Come se lei andasse dalla sua lei e invece di concentrarsi sulla persona in quanto tale, guardasse a tutt'altro...