La svolta: superstrada Sequals-Gemona e due trafori con i soldi del Recovery fund

Sabato 1 Agosto 2020 di Redazione
L'imbocco della superstrada attuale
TRIESTE - C’è il prolungamento della Cimpello-Sequals sino a Gemona, l’opera più chiacchierata. Ma sono presenti anche i trafori del Monte Rest e di Monte Croce Carnico, per aprire una porta veloce verso l’Austria alternativa al valico di Tarvisio-Coccau. Due maxi-operazioni, che la giunta regionale dovrà impegnarsi a realizzare facendo pressione sul governo affinché utilizzi parte del finanziamento europeo incluso nel “Recovery fund”, il piano post-Covid comunitario. L’accelerazione, che riguarda in primo luogo la realizzazione della Sequals-Gemona, è stata impressa grazie a un ordine del giorno (firmato dai consiglieri regionali Zanon e Sibau di Progetto Fvg, a cui si sono accodati quasi tutti gli esponenti della maggioranza di centrodestra) che impegna la giunta a farsi finanziare le grandi opere di viabilità utilizzando il Recovery fund. 
INFRASTRUTTURE
«Abbiamo una grande occasione e adesso dobbiamo sfruttarla. Se non ora, quando», è stato il commento dell’assessore Graziano Pizzimenti. L’opera, che dovrà comprendere anche il raddoppio dell’attuale Cimpello-Sequals, costerebbe circa due miliardi. Troppi anche da immaginare per un’amministrazione pubblica, fosse anche la Regione. Certamente, nella progettazione e nella fase di indizione della gara - quando sarà il momento -, l’ente dovrà intervenire, poi però quando si tratterà di mettere mano al portafoglio sarà necessario l’intervento di un altro soggetto. Il prolungamento della strada Cimpello-Sequals sino a Gemona, e la conseguente trasformazione dell’intera tratta in una vera e propria autostrada, infatti, costeranno circa due miliardi di euro. Il soggetto che sino ad oggi ha manifestato l’interesse maggiore è Autovie Venete, che già gestisce la maggior parte delle tratte autostradali del Fvg. Ma la finestra del Recovery fund apre un altro scenario pubblico, così come per i due trafori del Rest e di Monte Croce Carnico. Quanto allo studio di fattibilità per la Sequals-Gemona, sarà pronto entro fine anno.
LE PROTESTE
L’accelerazione verso la realizzazione della Sequals-Gemona ha provocato anche una nuova ondata di proteste, firmate dal “partito” dei contrari alla cementificazione. «La Giunta Fedriga apre a un futuro di cemento e disastri ambientali. Con le risorse finanziarie del Recovery fund, si attiverà per promuovere opere a grande impatto che devasteranno il territorio, anche il Tagliamento e nella sua parte più bella. Ecco perché la maggioranza regionale ha bocciato la nostra proposta di candidare il fiume a patrimonio mondiale Unesco», hanno dichiarato Morettuzzo e Bidoli del Patto per l’Autonomia. «Dopo la bocciatura della mozione con cui chiedevamo la massima tutela possibile per il fiume Tagliamento, il governo regionale dà un altro segnale eloquente e conferma la sua visione di sviluppo per questa terra: basata sulla cementificazione a ogni costo, sulle opere a forte impatto ambientale e sulla mancanza di un’adeguata tutela dei beni naturali, uno sviluppo slegato dalla realtà e tutto fuorché sostenibile». Critica anche Mariagrazia Santoro (Pd): «Il centrodestra regionale vuole cementificare tutto il Fvg, altro che valorizzare il Tagliamento come patrimonio Unesco». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA