Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trascinato dalla corrente del Meduna, militare americano sbuca seminudo sull'autostrada

Lunedì 27 Giugno 2022 di Redazione
Il Meduna

AVIANO  - A segnalarlo è stato un automobilista che verso le 20.30 di sabato sera percorreva la A28: «C’è un autostoppista seminudo, è scalzo, tutto bagnato e indossa i boxer». La pattuglia della Polstrada di Pordenone che stava presidiando il tratto autostradale lo ha raggiunto in una manciata di minuti. Il giovane, poco più di vent’anni, era un soldato americano arrivato ad Aviano da circa 4 mesi. Era disorientato e infreddolito. Non sapeva nè dove si trovava né la località in cui aveva lasciato gli amici. I poliziotti lo hanno dissetato e gli hanno fornito una coperta idrotermica, poi hanno ascoltato con pazienza il suo racconto.

I FATTI

Il giovane sabato è andato nella spiaggia sul Meduna a Cordenons, assieme ad altri commilitoni. Per rinfrescarsi e sopportare meglio il caldo torrido ha deciso di fare una nuotata. Aveva con sé un tubo galleggiante, per non lasciarsi trascinare dalla corrente, ma la precauzione si è rivelata inutile. La nuotata è proseguita ben oltre Cordenons. Forse era convinto di poter tornare indietro, ma la corrente lo ha trascinato oltre il ponte del Meduna, all’ingresso di Pordenone. A quel punto giovane ha proseguito fino al ponte dell’A28, a circa un chilometro dal centro ingrosso pordenonese. È proprio in quel punto che ha deciso di guadagnare la sponda e di uscire dall’acqua. Attraverso i campi è riuscito a risalire in autostrada e a scavalcare il guardrail: alle 20.30 che è stato segnalato mentre faceva autostop.
Il ventenne non aveva alcuna idea del luogo in cui si trovasse e dei tanti chilometri percorsi a nuoto con l’aiuto del tubo galleggiante. Le sue condizioni erano buone, anche se aveva freddo per via della bassa temperatura dell’acqua e del sole che ormai era tramontato. I poliziotti si sono allora messi in contatto con la Base Usaf di Aviano, la quale ha inviato il proprio personale per recuperare il soldato “disperso”.

Ultimo aggiornamento: 16:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci