Appello del sindaco ai "pelandroni" dei posteggi: «Camminare fa bene»

Un ampio posteggio a Sacile dove poter laciare la propria auto: è semivuoto

di Paola Treppo

SACILE (Pordenone) - «Non abbiamo mai dato indicazioni ai nostri agenti di polizia locale di utilizzare le sanzioni per divieto di sosta per "fare cassa", e non solo perché il nostro bilancio “scoppia di salute”. Prevenzione in primis, quindi, ma le segnalazioni di divieto non possono essere ignorate e quando arrivano non mancano di produrre i loro effetti. Mi sento quindi di rinnovare un appello al senso civico di ognuno di noi. Prendiamoci qualche minuto in più per lasciare l’auto nei parcheggi». Un invito più che civile e cortese quello che lancia oggi, mercoledì 13 dicembre, il sindaco di Sacile, Roberto Ceraolo, ai suoi concittadini e chi visita questo splendido centro urbano.

«Il parcheggio del Pala Micheletto è a pochi minuti di cammino e, in occasione degli eventi serali, può essere utilizzato senza problemi, così come il parcheggio antistante le scuole Marchesini, non distante dalla scuola media, la cui area di sosta sarà "approfondita" nelle sue modalità di utilizzo perché, a oggi, è riservata agli operatori scolastici».

Due passi non fanno male alla salute
«Comunque due passi non fanno certamente male alla salute, anzi, pur comprendendo i tempi e i ritmi della vita contemporanea» dice il sindaco. Buone notizie invece dalla Regione, che è in procinto di dare finalmente il via libera alla riorganizzazione delle fermate del trasporto pubblico locale: «Questo progetto prevede il senso unico in viale Trieste e quindi il ripristino del transito in via Bellini, la cui uscita sul viale sarà sicura perché “canalizzata”. Lo stesso progetto prevede anche l’allargamento di via Fasan nel tratto prospiciente la caserma, e il senso unico, in direzione della stazione ferroviaria, di tutta via Gerolamo da Sacile, per favorire la svolta dei pullman».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Dicembre 2017, 15:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Appello del sindaco ai "pelandroni" dei posteggi: «Camminare fa bene»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-12-14 05:48:45
Parole sante! Ma dovrebbero valere per tutti! Portare le fermate dell’autobus o tram a 500 mt. Aiuterebbe e al massimo si dovrebbero fare 250 mt. Le biciclette parcheggiate quasi dentro ai negozi, le stesse motorini compresi contromano..... A tutti fa bene camminare ma non è politicamente corretto ricordarlo, solo gli automobilisti sono pigri. Nb. Sono in pensione, vado in centro a piedi 6 km. Tra andata e ritorno +giretti vari, non uso i mezzi pubblici. Nb. Bis in centro a piedi ci vado da oltre 35 anni e forse andavo a scuola quando ho usato l’ultimo mezzo pubblico. A fare la sardina non mi è mai piaciuto.
2017-12-13 19:47:30
....concordo col sindaco....certa gente vorrebbe il parcheggio dentro l'esercizio......!
2017-12-13 17:10:26
"Camminare fa bene" = Parole Sante.
2017-12-13 16:19:29
Pelandroni e' il termine appropriato.Se trovano l'ascensore , molti lo chiamano su per..non scendere a piedi dalle scale, esercizio salutare rivalutato dai fisiatri ed allenatori.Invece dal quel che vedo, lo usano giovani e specie provenienti da zone del globo arretrate: hanno fatto il gran salto di qualita'.Guardano con disprezzo gli anzianotti che salgono sia pure con passo cadenzato e pensano che siano fifoni che non sanno premere i pulsanti e forse nemmeno leggere le cifre. Quando arrivano le spese condominiali con distinta spese, si lamentano perche' l'ascensore costa troppo.Pensavano si muovesse per opera di sciamano.Se poi si blocca per guasto, allora chiamano aiuto ai passanti su scale.Eppure ospedali ed ambulatori sono costellati di cartelli contro il fumo e pro camminate e salite di scale.
2017-12-13 15:45:34
mka è possibile che ad ogni multa si gridi alla cassa? se è parcheggiata in divieto la multa è sacrosanta. se non si vuole rimpinguare la cassa del comune con le multe basta rispettare il codice e di multe non ne prendi e non ne paghi.