Sesso con una minore in cambio di vestiti firmati, ricariche telefoniche e soldi: condannato un 49enne

Si erano conosciuti su Instagram. L'uomo non si è mai presentato al processo per difendersi

Mercoledì 7 Dicembre 2022 di C.A.
Pordenone, condannato 49enne: sesso con una minore

PORDENONE - Dall'amicizia su Instagram ai regali e alle dazioni di denaro. Tutto in cambio di prestazioni sessuali. Il processo, che ieri si è concluso con una condanna a 4 anni di reclusione per un 49enne romagnolo, è stato celebrato in Tribunale a Pordenone. L'imputato, Jim Latorre, difeso d'ufficio, non si è mai presentato in udienza, pertanto la sua versione dei fatti non è mai stata acquisita nel corso del dibattimento. A parlare davanti ai giudici - e soprattutto a confermare quanto ricostruito dagli inquirenti - è stata la vittima, una ragazza della provincia di Pordenone che all'epoca dei fatti aveva soltanto quattordici anni. Il suo racconto, oltre alla documentazione prodotta al processo, ha convinto il collegio presieduto dal giudice Alberto Rossi (a latere Piera Binotto e Francesca Ballore) che l'imputazione di induzione alla prostituzione minorile di una minore di sedici anni fosse stata provata. In questi casi si rischiano pene severissime. La Procura aveva chiesto 1 anno e 9 mesi, ma i giudici hanno valorizzato la recidiva (per altri reati) contestata all'imputato e gli hanno inflitto 4 anni di reclusione e tremila euro di multa. «Faremo appello - è stato il commento della difesa - ci sono degli elementi confutabili da approfondire in secondo grado». Il difensore non ha mai avuto contatti con l'imputato, circostanza che ha inciso nella strategia processuale e, soprattutto, nella scelta di eventuali riti alternativi.


L'INDAGINE
Il fascicolo d'indagine madre è radicato a Roma, dove aveva suscitato molto clamore. È stata un'indagine ad ampio raggio, dalla quale si sono staccate diverse costole. Gli atti relativi al 49enne romagnolo sono stati trasmessi alla Procura della Repubblica di Trieste, competente per questo tipo di reati. È stato il gup Luigi Dainotti a disporre il rinvio a giudizio e inviare il fascicolo a Pordenone: gli incontri tra i due, infatti, sono avvenuti in provincia di Pordenone. La ragazzina ha testimoniato al processo confermando quanto aveva dichiarato a sommarie informazioni. Si erano conosciuti sui social, Instagram. Secondo la difesa era nata un'amicizia, ma per i giudici si è trattato di un adescamento. La minorenne appartiene a una famiglia che non ha grandi possibilità dal punto di vista economico e quell'uomo in poco tempo era diventato, in cambio di atti sessuali, una sorta di sportello bancomat per ottenere le ricariche telefoniche, l'acquisto di vestiti firmati come tutti gli altri adolescenti e le ricariche della carta PostePay.


GLI INCONTRI
Era l'uomo, residente a Solarolo (Ravenna), a spostarsi per incontrare la ragazza. Così è stato dal giugno 2017 fino a gennaio 2018. Dopo sei mesi i rapporti si sono interrotti per via dei primi atti dell'inchiesta, approdata a Trieste nel 2020 e ieri chiusa con la sentenza di condanna.
 

Ultimo aggiornamento: 09:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci