Venerdì 14 Settembre 2018, 10:36

Madre senza lavoro vive coi figli in un deposito: «Lo sfratto era una vergogna»

PER APPROFONDIRE: chions, deposito, disoccupata, madre, separata
Madre senza lavoro vive coi figli in un deposito: no allo sfratto per orgoglio

di Alberto Comisso

PASIANO - Vive da più di tre mesi con i due figli, uno di 12 e l'altro di 17 anni, in una stanzetta ricavata all'interno di un magazzino: 20 mq che le sono stati concessi da un imprenditore di Chions, Andrea Mio, che si è preso particolarmente a cuore la situazione. Lei ha meno di 50 anni ed è originaria di Pasiano. È separata, non ha un lavoro e riceve dei sussidi economici dai Servizi sociali. Che però arrivano in ritardo. Per questo il proprietario della casa dove viveva ha cominciato a farle...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Madre senza lavoro vive coi figli in un deposito: «Lo sfratto era una vergogna»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-09-16 13:58:36
Penso che ci siano i presupposti per darle una mano. Parlo del suo sindaco
2018-09-15 15:38:06
Chi ha lo sfratto ha la precedenza assoluta nell'assegnazione di una casa di edilizia popolare. Informarsi magari?
2018-09-14 20:14:44
Ennesimo esempio di vergogna per una provincia ricca e pasciuta che si vanta della sua potenza economica ed imprenditoriale. La "fuffa" sta a zero e gli egoismi di Pordenone faranno storia, anche con le persone non richiedenti asilo ma solo un minimo di dignità.
2018-09-14 19:06:15
Se le dassero 35 euro al giorno a testa come danno a tutti i clandestini potrebbe allevare i suoi figli !Ma ,se non e'arrivata con un barcone ...;nisba !
2018-09-14 18:39:53
Il 5 x 1000 se non destinato volontariamente a qualche ente in particolare va diviso fra tutte la associazioni di volontariato, nessuna esclusa. Vorrei vedere che qualche volta queste onlus controlate dalla finanza, al febbraio 2017 erano 22033, un sacco di gente che mangia alle spalle dei donatori.