Sabato 22 Settembre 2018, 09:53

Scuola senza insegnanti per motivi burocratici: genitori dal prefetto

PER APPROFONDIRE: insegnanti, prefetto, protesta, scuola
La protesta dei genitori davanti alla prefettura

di Alberto Comisso

PORDENONE Sit-in davanti alla Prefettura. Una trentina di genitori, i cui figli sono iscritti all'Istituto comprensivo di Cordovado, hanno fatto sentire ieri pomeriggio la loro voce sulla criticità che si manifesta dall'inizio dell'anno scolastico 2018-19. Quattro di loro sono stati ricevuti dal prefetto Maria Rosaria Maiorino, che ha promesso di farsi carico della situazione e di portare l'istanza nelle sedi opportune. La questione è complessa e riguarda, in particolare, la media Fermi di Bagnarola di Sesto al Reghena, dove, a causa della carenza del personale amministrativo, le nomine di molti insegnanti sono ferme. Ciò sta comportando una contrazione dell'orario di lezione: dal 10 settembre gli alunni sono costretti a fare soltanto tre ore al giorno e, in alcuni casi, capita che vengano spostati dalla loro classe per essere aggregati a un'altra.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Scuola senza insegnanti per motivi burocratici: genitori dal prefetto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-09-22 17:42:42
Concorso scuola: 6,5 su dieci non ha superato il concorso di scrittura troppi errori, stessa cosa x i presidi???
2018-09-22 13:01:41
Il problema più grande è nei falsi dirigenti scolastici. Falsi non per colpa loro, ad eccezzione di qualcuno, falsi perchè in verità non sono dei dirigenti ma degli impiegati superiori a cui non viene demandato nessun potere nessuna delega se non quella di leggere e esiguire pedissquamente le circolari. Molti con questo gioco la fanno facile altri se la prendono tanto a cuore da rasentare il border line psicologico. In mezzo alla grande il MIUR e i dirigenti responsabile che se la godono alla grande in quanto diffcilmente hanno a che fare con l'utenza. Nessuno peral del portale internet per la scelta attraverso le graduatorie degli insegnanti, sono anni che non funziona, si blocca non si riesce a caricare i dati veri reali, se a questo aggiungiamo che ogni anno c'è un ricorso contro qualche scelta scellerata di inserimento nelle graduatorie che il sostegno psicologico può essere fatto dai tecnici diplomati che anno perso il posto e si trovano a gestire un bambino autistico, aspeger, o con altri problemi con la loro conoscenza di informatica, cucina, elettronica. Bell'esempio di inserimento nel mondo civile dei diversamente abili. Ogni anno si aspetta l'ultimo giorno per fare le graduatorie, per assumere a tempo DETERMINATO iinsegnanti capaci di cui si è certi delle loro capacità visto che moltissimi di questi sono reiterati di anno in anno senza certezza di cattedra, sede e pe ri genitori senza certezza anzi quasi sicuramente di non poter avere la continuità didattica di un insegnante che conosce ed è entrato anche nella routine del ragazzo7 bambino. Ma l'importante è dare il reddito di cittadinanza a nullafacenti, o aumentare le pensione ai vecchi i giovani...... o hanno la famiglia o si arrangino.
2018-09-22 10:27:08
Nella scuola sembra siano importanti solo i docenti, difficilmente si considerano gli ATA (Ausiliari - Tecnici - Amministrativi). Da troppo tempo si è ignorata l'importanza di tali figure, tagliando continuamente e caricando i pochi rimasti di nuove mansioni continuamente. L'opinione comune su è che non sia necessario. Ora tutti i nodi vengono al pettine...