Patti finanziari, Fedriga "vince" con Roma: due miliardi in più per il Fvg

Mercoledì 20 Ottobre 2021 di Redazione
Il presidente del Fvg,

Un risparmio di 2,4 miliardi di euro in cinque anni, propedeutico per iniettare nuove risorse nel bilancio del Fvg.  Questo il risultato del nuovo patto di finanza pubblica che la Regione si appresta a firmare con il ministero dell’Economia. Il risultato della lunga e complessa trattativa con lo Stato che Massimiliano Fedriga ha anticipato ieri mattina in consiglio regionale a Trieste e poi in conferenza stampa. 


I DETTAGLI


«Abbiamo ottenuto un risultato sopra ogni aspettativa, cambiando radicalmente il passo e di questo ringrazio il governo: rispetto ai tendenziali di bilancio dello Stato, che per il periodo considerato imputano al Fvg contributi del valore di più di 4 miliardi di euro, la Regione avrà a disposizione risorse per 2 miliardi di euro nel quinquennio 2022-2026». Nel complesso si tratta di un risultato di straordinario peso, ha osservato Fedriga, che fa calare la percentuale di compartecipazione del Fvg dal 13,3 al 6,74 per cento e aumenta concretamente il raggio d’azione «perché la capacità finanziaria di una Regione è direttamente correlata alla capacità di esercitare l’autonomia». «Gli anni pregressi sono stati particolarmente distorsivi ma il governo ora lo ha riconosciuto e ne sono soddisfatto», ha commentato illustrando assieme all’assessore alle Finanze Barbara Zilli il quadro pregresso. «Già nel 2019 - ha proseguito Fedriga - con il patto siglato tra questa amministrazione e l’ex ministro Tria si era fatto un passo importante, contenendo il saldo a 686 milioni e mantenendolo per il 2020 a 726 milioni e a 716 milioni nel 2021, ma oggi abbiamo fatto una vera e propria corsa, perché la posizione di partenza del ministero prevedeva che dovessimo versare 836 milioni ogni anno per dieci anni».


IL QUADRO


Dal 2022, dai 836 milioni previsti inizialmente, si passerà a un versamento di 432,7 milioni (-403,3); dal 2023 al 2025 si passerà da 836 milioni a 436,7 (-399,30) per ciascuna annualità; nel 2026 da 836 milioni a 432,7. La cifra leggermente superiore nei tre anni intermedi dell’accordo - 2023, 2024 e 2025 - è legata all’ulteriore patto di finanza pubblica con il governo che prevede un contributo complessivo di 200 milioni da parte di tutte le Regioni italiane, sia ordinarie che speciali. Fedriga ha ottenuto il via libera unanime dall’Aula al termine della sua informativa per la firma. Inoltre per il 2021 l’intesa attribuisce alla Regione l’importo di 66,6 milioni di euro, pari ad un terzo delle risorse previste a compensazione del contributo alla finanza pubblica. E questo porterà ad un nuovo assestamento a novembre”. Per Zilli la sigla del patto è «un riconoscimento importante del lavoro che la giunta ha fatto in questi mesi».

 

Ultimo aggiornamento: 07:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA