La fidanzata di Ruotolo: «Quel profilo
facebook usato per uno scherzo»

Martedì 12 Gennaio 2016
Giosuè Ruotolo e Maria Rosaria Patrone, i i fidanzati indagati per il duplice delitto di Pordenone
5
PORDENONE - «Era solo uno scherzo». I messaggi molesti inviati a Teresa Costanza attraverso un profilo Facebook anonimo sarebbero stati una goliardata. Così si sarebbe giustificata Maria Rosaria Patrone, la ventiquattrenne di Somma Vesuviana indicata come l’istigatrice del duplice delitto del palasport. Il 21 dicembre, quando è venuta a Pordenone per essere interrogata, la fidanzata di Giosuè Ruotolo si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Ultimo aggiornamento: 14:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci