Il postino non suona neanche una volta: l'avvocata indaga e scopre che...

Il postino non suona neanche una volta: l'avvocata indaga e scopre che...

di Susanna Salvador

PORDENONE - Esce dallo studio alle 13 e trova l'avviso di giacenza di una raccomandata che è stata messa nella buca delle lettere alle 11.12, ora in cui l'avvocato Alessandra Marchi era al lavoro, nell'ufficio di via Ospedale Vecchio. «Ma nessuno ha suonato il campanello», assicura il legale pordenonese. È accaduto mercoledì 7 e la mancata consegna a domicilio, oltre ai ripetuti inutili tentativi di contattare la sede locale di Nexive (operatore privato del mercato postale nazionale) ai vari numeri di telefono riservati agli utenti, hanno fatto arrabbiare l'avvocato che ha voluto raccontare quello che le è accaduto, sicura di non essere la sola ad aver «avuto disagi di questo tipo».

«Nell'avviso di giacenza c'era l'invito a ritirare la raccomandata, a partire da venerdì 9 novembre, nell'edicola di piazza Risorgimento - racconta Marchi -. Ma, ripeto, quella mattina nessuno ha suonato il campanello del mio studio, che funziona perfettamente». Il legale decide di vederci chiaro. «Entro nel sito di Nexive cercando un numero di telefono al quale chiamare; ne trovo due, ma nessuno risponde».
 
Così giovedì mattina va all'edicola, anche se in anticipo rispetto alla data indicata, e chiede spiegazioni. «Mi dicono che non è la prima volta che succede - prosegue l'avvocato - e mi forniscono un numero fisso di telefono che la stessa edicola utilizza per comunicare con la Nexive, che è stato addirittura appeso al muro». Con il numero della speranza in mano, prova a contattare per l'ennesima volta l'operatore postale, «chiamo quel numero giovedì mattina almeno sei volte», ma non ottiene alcuna risposta.
LE RECENSIONI
Vista la professione, l'avvocato vuole andare oltre. «Sono andata a leggermi le recensioni sul sito Nexive di Pordenone, sono una sessantina, quasi tutte negative. Gli utenti segnalano disservizi vari. Mi informo, quindi, sui vantaggi nell'avvalersi di un servizio postale privato come Nexive piuttosto che rimanere con Poste italiane - prosegue - e mi viene spiegato che il privato è concorrenziale per quanto riguarda tariffe e tempi di consegna. Certo, un postino suona il campanello per recapitare raccomandate o pacchi, aspetta qualche minuto, fa firmare sul tablet la ricevuta - sottolinea l'avvocato Marchi -; magari per gentilezza sale al piano per dare una mano e venire così incontro alle esigenze di un anziano o di un invalido. Ecco, conviene saltare tutto questo e infilare direttamente l'avviso di giacenza nella cassetta, così in pochi minuti faccio quello che Poste italiane fa in molto più tempo e quindi a costi maggiori».
Susanna Salvador
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 10 Novembre 2018, 05:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il postino non suona neanche una volta: l'avvocata indaga e scopre che...
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2018-11-17 12:20:05
purtroppo non ci vedo molte differenze con le poste, più volte capita nella mia zona che non suonino e se ne vadano lasciando il foglio della raccomandata, oppure non si ha nemmeno il tempo di uscire per vedere chi è che si vede il postino che stà già tornando indietro.. senza parlare delle code all'ufficio postale, dove negli orari di punta sono generalmente tutti in pausa e quando non c'è nessuno siano tutti operativi
2018-11-16 08:15:17
Volevate la privatizzazione? Eccola!
2018-11-11 20:38:52
Se PPTT itagliane pensassero alla corrispondenza invece che a fare banca-assicurazione mah forse...
2018-11-12 13:05:49
forse non saremmo in europa
2018-11-11 19:43:27
Avv. se indagava oltre, scopriva che esiste anche la PEC, tempo di pochi secondi riceve la tanto attesa raccomandata.