Il sindaco cerca casa ai profughi, ma nei Comuni degli altri

PER APPROFONDIRE: comuni, pordenone, profughi, sindaco
Richiedenti asilo accampati sin un parcheggio

di Lara Zani

PORDENONE - Lo aveva promesso e lo ha fatto veramente. Stanco di sentirsi dire dai sindaci dei Comuni limitrofi che sarebbero disponibilissimi ad accogliere richiedenti asilo, ma purtroppo nei loro Comuni mancano alloggi liberi, Alessandro Ciriani ha “assoldato” un’agenzia immobiliare per trovare case libere nei Comuni vicini che non ospitano profughi. «Una l’ho già trovata subito - ha detto - e l’ho segnalata al prefetto, ora valuti lei come comportarsi».

La provocazione del primo cittadino di Pordenone, Alessandro Ciriani  è legata al fatto che la città ospita molti più profughi di quelli messi a tabella, mentre ci sono altri Comuni che non ne hanno.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Dicembre 2017, 07:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il sindaco cerca casa ai profughi, ma nei Comuni degli altri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-12-08 21:08:57
Si il sindaco , il migliore che Pordenone abbia da tanti anni, sta cercando ospitalità per i richiedenti asilo nei comuni limitrofi a conduzione, guarda caso PD, che non ne hanno, perché dicono loro che non hanno posto. Pordenone ha sforato di tanto sul numero, ma essendo amministrato dalla destra posti deve averne per forza, secondo i piddini
2017-12-08 19:38:37
Ma come è possibile che questi profughi di guerra sono tutti giovani e maschi,ma che razza di guerre ci stanno nei loro paesi? Ma chi le combatte? Solo le donne e i vecchi?
2017-12-08 18:24:43
Rispedirli a casa loro o mandarli al Vaticano.
2017-12-08 13:44:25
Pordenone è stata attaccata da Amnesty International (ed è finita alla ribalta della cronaca nazionale) perché lascia alcuni richiedenti asilo a dormire in strada, al freddo. Il sindaco di Pordenone ha fatto sapere che la città ha già il doppio dei richiedenti asilo di quelli previsti dalla prefettura, mentre ci sono diversi comuni sottosoglia - e teoricamente di "sinistra". In un video ne nomina diversi: Azzano X, Casarsa della Delizia, San Vito al Tagliamento, Zoppola,... Tutti comuni inadempienti e amministrati da presunte giunte di centrosinistra. Quindi il sindaco di Pordenone ha ragione.
2017-12-08 11:35:12
Anche con i Daspo, li si sbologna a comuni altrui, magari con sindaco di opposto schieramento..per passagli la castagna arroventata.Poi l'altro rende il favore ed i disturbatori si adattano benissimo...proprieta'commutativa: invertendo l'ordine dei fattori il risultato non cambia ( a volte)