Notte di follia al Pronto soccorso: pakistano perde la testa, ferisce alcuni infermieri e danneggia il reparto

Giovedì 19 Maggio 2022 di Susanna Salvador
Un reparto
9

PORDENONE - Notte movimentata, quella tra martedì e ieri, al Pronto soccorso cittadino. E non per il continuo via vai di persone in attesa di essere visitate o ricoverate per un’urgenza, con il personale medico e infermieristico costretto a correre da una parte all’altra dell’ospedale. Ad animare ulteriormente la nottata, già di per sé pesante come sempre in Pronto soccorso, ci ha pensato un cittadino di origine pakistana che ha letteralmente perso il lume della ragione, generando caos e panico e mettendo in difficoltà tutti gli operatori. Fino a che è stato infine messo nelle condizioni di non nuocere. E, da quanto appreso, non era il primo caso perchè nel corso della giornata altre persone avevano dato in escandescenza nel reparto che accoglie pazienti con varie patologie e necessità di cura. E che da anni si trova a fare i conti con un organico carente e un’emergenza, quella legata al Covid, che di fatto obbliga ancora a procedure restrittive per quanto riguarda gli ingressi dei parenti o degli accompagnatori.


LA FURIA


Lo straniero è arrivato in Pronto soccorso già alterato e nell’arco di poco tempo ha perso le staffe, cominciando a gridare e a invenire contro gli operatori, a buttare a terra quanto trovava lungo la sua strada, e a spintonare chi cercava di fermarlo. Alcuni infermieri hanno infatti riportato delle lesioni, seppur lievi. Una situazione complicata e difficile da gestire, con le persone in sala di attesa che dovevano essere visitate e questo energumeno che di fatto ha bloccato l’attività del reparto, visto che si temeva potesse diventare ancora più pericoloso. Ed era infatti una furia, impossibile da fermare tanto che è stato necessario chiedere l’intervento degli agenti della Squadra Volante che sono subito arrivati sul posto e sono riusciti a bloccare lo straniero che poi è stato sedato.


LA SICUREZZA


Lavorare in un reparto come il Pronto soccorso, cerniera tra visite, urgenze e ricoveri, non è solo difficile, pesante e stancante. Ma anche pericoloso. «Fortunatamente possiamo contare sull’intervento delle forze dell’ordine che rispondono sempre in tempi rapidi alle nostre richieste di aiuto», hanno sottolineato dal reparto. Inoltre tutto ciò che può diventare un’arma è messo in luoghi non accessibili, così da rendere meno pericoloso l’arrivo di un energumeno come quello dell’altra notte.

 

Ultimo aggiornamento: 16:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci