Sabato 9 Febbraio 2019, 20:32

Pochi pediatri sul territorio, bimbi
senza medico: la rabbia dei genitori

PER APPROFONDIRE: genitori, medici, pediatri, pordenone, rabbia
Pochi pediatri sul territorio,m la rivolta dei genitori

di Alessandra Betto

PORDENONE -  Mancano pediatri sul territorio e scoppia la rabbia dei genitori. Via alla libera scelta del pediatra di famiglia per evitare di creare cittadini di serie A e cittadini di serie B. È l’obiettivo della petizione popolare, sostenuta da 700 firme, che nei giorni scorsi è stata consegnata a Piero Mauro Zanin, presidente del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia. L’iniziativa mira a riequilibrare l’offerta di professionisti convenzionati con l’Azienda sanitaria tra i capoluoghi e le aree meno centrali, in particolare in montagna.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pochi pediatri sul territorio, bimbi
senza medico: la rabbia dei genitori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-02-10 16:53:50
E' un problema che si risolvera' tra qualche anno, visto che le nascite in Italia sono in caduta libera. Il problema che emergera' invece nel prossimo futuro sara' legato alla mancanza di geriatri.
2019-02-10 12:51:22
Negli anni '80 c'era la "pletora medica": migliaia di laureati e specialisti che NON si sapeva come impiegare. Una delle soluzioni fu l'invenzione della Pediatria di famiglia, con lo specialista trasformato in medico di base. All'epoca in Italia c'errano 16.000 pediatri, di cui circa la meta' impiegati cosi'. Adesso ogni anno vanno in pensione 500 pediatri. Le scuole di specializzazione, che devono servire anche ospedali, universita' e altri servizi territoriali, ne diplomano circa 270. Se NON si ripensa subito l'attuale modello di assistenza, a breve il pediatra a disposizione l'avranno solo i ricchi (quelli che pagano il "privato"). Per altro negli anni '70 i medici "della mutua" avevano comunque competenza e capacita' per curare i bambini, almeno per le malattie comuni. Gli attuali medici di famiglia (dell'adulto) hanno solo vaghe nozioni teoriche acquisite durante il corso di laurea.
2019-02-15 12:02:25
Analisi impeccabile. Solo un piccolo neo che fa sorgere una domanda: come mai in una Regione che si vanta di avere un SSR d'eccellenza avvengono queste cose?