Lunedì 22 Luglio 2019, 12:23

Cantieri, le banche pagano i danni subiti dai negozianti

PER APPROFONDIRE: banche, cantieri, negozi, pordenone, risarcimento
Pordenone. Cantieri, le banche pagano i danni subiti dai negozianti

di Marco Agrusti

PORDENONE - Il Comune non può tornare ai negozianti i soldi persi a causa dei cantieri che stanno interessando una buona parte del centro storico, allora intervengono le banche. Non direttamente, ma attraverso il fondo Fei, cioè il Fondo europeo per gli investimenti. L'obiettivo è quello di recuperare la liquidità necessaria al pagamento delle spese vive, come affitti o stipendi dei dipendenti. Il calo degli incassi di alcuni negozi, con riferimento più acuto a quelli di via Cappuccini (ma è solo il primo esempio), ha infatti provocato una carenza di liquidità. E alcuni commercianti hanno nel cassetto rate dell'affitto che non riescono a pagare oppure stipendi inevasi. Ecco allora che l'istituto del Fei, garantito dal piano Junker, giunge in aiuto per supplire a ciò che il Comune non può fare. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cantieri, le banche pagano i danni subiti dai negozianti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-07-23 21:02:06
ma possibile l'incapacita' di finire dopo anni i lavori in via Cappuccini? incredibile