Superbonus, maxi-rincari dei materiali: cantieri a rischio chiusura

Domenica 18 Aprile 2021 di Davide Lisetto
I lavori nei cantieri edili messi a rischio dai maxi-aumenti dei materiali
6

Materiale che arriva dai fornitori, impossibilitati a trovarlo sul mercato, ormai con il contagocce. E quel poco che c’è con prezzi da capogiro. Il comparto delle costruzioni è alle prese con un fenomeno che le stesse imprese sostegnono di non avere mai visto negli ultimi trent’anni. I super-rincari su ferro, rame, legno e materiali isolanti rischiano di far saltare preventivi su molti lavori previsti con il superbonus del 110% dove ci sono i prezziari da rispettare. E se la situazione dovesse continuare nei prossime settimane - la dice chiara il rappresentante regionale della categoria dei costruttori edili di Confartigianato - più di qualche cantiere sarà costretto a sospendere l’attività. Il fenomeno legato alla carenza delle materie prime - che come è noto sta riguardando anche molta parte dell’industria manifatturiera anche nel nostro territorio - era partito molto in sordina a cavallo tra la fine del 2020 e l’inizio di quest’anno. Poi si è via via ampliato a diverse tipologie di materiali a febbraio e marzo. Nelle ultime settimane è letteralmente esploso. Tanto che Confartigianato Fvg ha lanciato l’allarme cercando l’apertura di un confronto anche con la Regione. Una lettera è stata inviata all’assessore regionale alle Infrastrutture Graziano Pizzimenti. Non è escluso che nei prossimi giorni ci sia un incontro tra la Regione e le categorie per fare il punto.

 



NODO GLOBALE

È chiaro che la situazione che sta mettendo in difficoltà l’edilizia trova origine nelle dinamiche internazionali. Super-acquisti da parte di Cina e Usa (economie che rispetto all’Europa sono già ripartite) che starebbero “mangiando” enormi quantità di materie prime. Ma anche fenomeni speculativi, in particolare su acciaio e legno. «Fatto sta - racconta il responsabile del settore edile di Confartigianato Fvg, l’imprenditore delle costruzioni pordenonese Alessandro Zadro - che stiamo assistendo a una cosa che non si è mai vista da moltissimi anni. Negli ultimi giorni ricevo telefonate dal tono disperato da parte di colleghi che non riescono più a trovare o a pagare il materiale con la conseguenza che saranno costretti a fermare il cantiere e a mettere gli addetti in cassa integrazione».

MAXI AUMENTI

Il ferro (fondamentale per le fondazioni e le strutture in cemento armato) ha subito un ricaro del 130%. Il rame (utilizzato per le grondaie e per altre strutture) è aumentato quasi del 50%. Stesso aumento per i materiali isolanti: in questo momento sono richiestissimi poiché vengono utilizzati nei lavori di adeguamento energetico e costruzione dei cosiddetti “cappotti” delle case previsti dal superbonus del 110 per cento. Ricari del 25% anche per il legno. E una delle ricadute immediate del fenomeno, sia per le piccole imprese che per i privati che hanno commissionato i lavori, è proprio sui cantieri avviati con gli incentivi della normativa del 110%.
«In questa fase - aggiunge Zadro - si stanno effettuando lavori per i quali i preventivi sono stati fatti sei o sette mesi fa, quando lo scenario economico era completamente diverso e non c’era alba di questo tipo di problema. Che si è presentato proprio quando il nostro settore stava per rialzare faticosamente la testa». Ecco perché fare fronte a rincari in media del 50% per le piccole imprese è davvero faticoso. «Per questo chiederemo alle istituzioni come la Regione - annuncia l’associazione degli artigiani - di coinvolgere se possibile le banche affinché si possa trovare una qualche soluzione che possa supportare sie le imprese sia i soggetti che si sono assunti il credito dei lavori legati al 110%».

Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 15:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA