In piazza Risorgimento gli affitti "folli" che bloccano il commercio: «Fuori dal tempo, qui tutti se ne andranno»

Sabato 20 Agosto 2022 di M.A.
Vetrine vuote in piazza Risorgimento

PORDENONE - Si è sempre sentita la stessa litania.

In piazza Risorgimento il commercio è quasi scomparso perché la zona è diventata sempre meno sicura. Le risse, la presenza di tante diverse etnie che non sempre vanno d’amore e d’accordo. Tutto vero, perché gli episodi ci sono stati e nessuno se li è inventati. Ma se il problema principale della zona non fosse tanto la cattiva fama cresciuta negli anni, quanto una politica dei prezzi che della trasformazione della piazza non ha mai tenuto minimamente conto? Se si trattasse di una visione ancora ferma al vecchio “piazzale delle corriere” che brulicava di giovani e favoriva gli acquisti? Basta un giro “porta a porta” per capire come almeno in parte sia questa la ragione della crisi in cui è sprofondata piazza Risorgimento. Gli affitti sono semplicemente troppo alti, soprattutto se parametrati alla qualità che adesso (non dieci anni fa) la zona è in grado di offrire. E per uno spazio commerciale si arriva anche a duemila euro al mese. Difficile, in conclusione, biasimare chi per aprire un’attività qualsiasi sceglie altre zone della città. Anche viale Marconi, che prima della riqualificazione viveva una dinamica simile.


IL VIAGGIO


Liti storiche tra proprietari di immobili, in alcuni casi anche tra familiari. Spazi che dopo anni di abbandono sono diventati nel frattempo vecchi. «Una parrucchiera che ha appena aperto - spiega a denti stretti l’assessore Emanuele Loperfido - ci ha spiegato di aver eseguito lei i lavori necessari a rendere accettabile le condizioni del locale». Perché altrimenti si sarebbe trattato del “solito” spazio vecchio di trent’anni e mai reso più moderno. L’immobilismo, ecco uno dei mali di piazza Risorgimento. «Nel corso degli anni - prosegue Loperfido - ci sono state tante possibilità per i privati. Pensiamo al 110 per cento. In altre zone della città queste possibilità sono state sfruttate». In piazza Risorgimento tutto è rimasto com’era. Compresi però gli affitti, che oggi non sembrano più in linea con le aspettative di chi vuole investire proprio lì. «E se io dovessi mollare - è il commento caustico del titolare del bar caffè Carducci - voglio proprio vedere chi subentrerebbe con questi affitti». 


IL NODO


Andiamo quindi al cuore del problema: in piazza Risorgimento chi vuole aprire una nuova attività paga semplicemente troppo. «Io - illustra sempre Sandro Sambin, che non è solo l’anima del suo bar, ma anche di quella parte di Pordenone che ha vissuto le due epoche della piazza - pago semplicemente una follia per rimanere qui». Nel dettaglio, 1.400 euro al mese per una sessantina di metri quadri. Ci sono zone molto più sviluppate del centro (quello vero e proprio) in cui si riesce a pagare di meno per locali nettamente più belli. «La verità - prosegue sempre Sambin - è che gli affitti sono rimasti inchiodati alle condizioni che si vivevano in piazza Risorgimento quindici anni fa». Quindi quando c’erano le corriere, e non le risse o il vuoto cosmico nelle vetrine. «Non ci rendiamo conto - va avanti il titolare del Carducci - che qua chiuderanno tutti se i prezzi rimarranno quelli. In centro paghi anche due-trecento euro in meno». E il problema è quello che in piazza Risorgimento rischi di trovarti: per ora tante vetrine completamente deserte, con pochissime attività commerciali e una vitalità nelle compravendite praticamente ferma al palo. Il tutto nonostante le iniziative per migliorare le condizioni di partenza. «Per questo ora chiediamo al sindaco di intervenire con i proprietari dei palazzi: abbassino gli affitti». Un grido da cogliere.

Ultimo aggiornamento: 08:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci