Ramarri contro il Pescara in crisi allenato da un "atleta di Cristo"

Giovedì 23 Gennaio 2020 di Dario Perosa
Attilio Tesser sta preparando la rete per imbrigliare anche i delfini di Pescara. Tutti i neroverdi si sono allenati ieri pomeriggio al De Marchi. Ha lavorato a parte solo Patrick Ciurria, cercando di accelerare i tempi di recupero dopo la botta subita alla coscia nell'ultimo match 2019 con la Cremonese, vinto (1-0) proprio grazie a un suo gol. Il Fante non sarà disponibile sabato alle 15 per il secondo turno del girone di ritorno. Auspicabilmente lo sarà per la sfida successiva, che vedrà il Pordenone a La Spezia.

Oggi la truppa neroverde sosterrà una seduta mattutina, alle 10 a porte chiuse, come domani. Una risposta positiva intanto sta giungendo dall'iniziativa "Febbre a 95". Sino a ieri erano stati sottoscritti 70 nuovi abbonamenti. La campagna si chiuderà domani.

ATLETA DI CRISTO
Dopo le dimissioni di Luciano Zauri, il presidente pescarese Daniele Sebastiani ha affidato la panca della prima squadra abruzzese all'azzurro Nicola Legrottaglie (sino alla scorsa settimana tecnico della Primavera) che fa parte dell'associazione Atleti di Cristo. È l'ideatore del progetto sociale e di fede Missione Paradiso, nonché autore di due libri nei quali racconta la sua esperienza di fedele, Ho fatto una promessa e Cento volte tanto. Con la fede vivo meglio. Dovrebbe essere un incarico ad interim, in attesa dell'ingaggio di Gigi Di Biagio o del ritorno di Bepi Pillon, ma un risultato positivo alla Dacia Arena potrebbe suggerire a Sebastiani di prolungare la promozione dell'ex Juventus e Milan. Il Pescara, partito con ben altre intenzioni, è dodicesimo a quota 26 e reduce dalla sconfitta (1-2) all'Adriatico con la Salernitana, ultima tappa del percorso abruzzese di Zauri.

OMEGA DAY
Ben diversa la situazione dei ramarri, secondi a quota 35, alle spalle del Benevento in fuga (47 punti) e con una lunghezza di vantaggio sul Crotone. Una posizione che intendono difendere con le unghie e con i denti. A dare la carica a De Agostini e compagni si sono presentati al De Marchi in visita i commerciali del gruppo Omega, main sponsor di maglia entrato in società a dicembre. Il team della holding di Quarto d'Altino riporta il sito ufficiale del sodalizio naoniano -, accolto dal presidente Mauro Lovisa e dal direttore generale Giancarlo Migliorini, ha assistito all'allenamento della prima squadra e studiato da dentro le peculiarità del club: da PordenoneNet, la rete dei partner, al settore giovanile. Constatato anche l'impegno nel sociale del club, attivo nelle scuole con il progetto Classe Neroverde. Mauro Lovisa ha poi sottolineato il rapporto con l'Omega. «Crediamo fortemente nei continui interscambi e meeting con i nostri partner ha dichiarato il numero uno -, quello con Omega è sicuramente speciale. Il gruppo di Quarto d'Altino è letteralmente diventato uno di noi, con l'ingresso ufficiale nel club. Con noi condivide valori importanti e questo incontro l'ha ulteriormente confermato». La risposta è arrivata da Franco Marcati. «Il progetto del Pordenone ha affermato l'amministratore delegato della holding va oltre il calcio, visto il legame fortissimo con il territorio e i giovani. Per noi è uno strumento incredibile di grande visibilità, di creazione di nuove relazioni e opportunità.

Siamo orgogliosi di questo legame con i neroverdi, che si rafforza nel tempo e che continuerà farlo sempre di più». Intanto sono in arrivo due rinforzi in prestito dalla serie A per la formazione Primavera: i difensori Nemanja Ristic (17 anni), centrale bosniaco di rientro al Bologna dal prestito al Carpi, e il coetaneo Andrea Feltrin, dalla formazione Under 18 dell'Inter.
  Ultimo aggiornamento: 16:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA