Sabato 29 Settembre 2018, 11:59

Freddato nel parcheggio, era una trappola: doveva essere eliminato

Freddato nel park, una trappola:  Alessandro doveva essere eliminato

di Cristina Antonutti

FONTANAFREDDA - Attirato in una trappola da qualcuno che conosceva e lo voleva morto. Il suo nome - che sia l'assassino o il mandante del delitto - potrebbe essere nella rubrica telefonica di Alessandro Coltro, il sacilese di 48 anni, residente a Nave, ucciso lunedì sera con un colpo di pistola in testa. Non si può escludere, infatti, che l'autore dell'omicidio avesse dato appuntamento a Coltro nel parcheggio del centro commerciale Meta di Fontanafredda contattandolo telefonicamente o con un messaggio, forse l'ultimo WhatsApp che gli investigatori troveranno nel cellulare della vittima. L'ultimo accesso alla chat risale alle 19.30. A quell'ora la Pontebbana è trafficata, le commesse delle Sorelle Ramonda stanno chiudendo il negozio e la maggior parte delle auto è concentrata davanti al supermercato Bingo. L'area è illuminata, ma è appena sceso il buio ed è difficile vedere che
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Freddato nel parcheggio, era una trappola: doveva essere eliminato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-09-29 16:52:26
Il park per gli italiani nati in Italia e la cui lingua e' l'italiano viene tradotto in parco. Parcheggio in iglese e' parking lot abbreviato in parking.
2018-09-29 12:44:41
Questi non pagano più i debiti o non restituiscono niente