Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Denis ed Edi, oltre 6 mila chilometri in Vespa per raggiungere il popolo ucraino

Venerdì 12 Agosto 2022 di Marco Corazza
Denis Ciani ed Edi Fadelli

I “Cavalieri in Vespa”, Denis Ciani ed Edi Fadelli, sono rientrati in Friuli dopo un viaggio durato un mese, percorrendo più di 6 mila chilometri in sella alle loro Vespa Px 200 e attraversando 12 Paesi. Dopo aver conquistato Capo Nord, le isole Canarie e l’Islanda, i due vespisti friulani, portacolori dei Vespa Club Gemona e Aviano, entrando in Ucraina sono riusciti a completare la loro impresa, e cioè toccare i quattro punti cardinali d’Europa viaggiando sulle due ruote. Al loro rientro, ad accoglierli a Villa De Brandis, a San Giovanni al Natisone, c’erano i rappresentanti di 12 Vespa Club oltre ad amici e parenti. Una festa resa unica dallo spettacolo dei Trigeminus.

«Si è chiusa la nostra avventura dei quattro punti cardinali - hanno affermato Ciani e Fadelli - il prossimo anno vedremo se inventarci altro. Gli anni passano anche per noi». Tra i momenti più emozionanti del viaggio, l’ingresso in ucraina e gli incontri con il vicesindaco Andriy Moskalenko, grazie al lavoro del console onorario di Leopoli, Gianluca Sardelli, e con don Moreno Cattelan, impegnato nella gestione dei profughi in un monastero della città ucraina. «Siamo stati gli unici vespisti a essere accolti in municipio - ricorda Ciani - fortunatamente la guerra non l’abbiamo vista, ma abbiamo visto una popolazione fiera e determinata». Tra le difficoltà più grandi incontrate dai due piloti friulani, il passaggio delle frontiere: «Per fortuna eravamo sulle due ruote, altrimenti a ogni passaggio da una Paese all’altro avremmo perso ore». E dopo un mese di avventura, di incontri, di scoperte, c’è stato il ritorno a casa: «È stato il momento più bello del viaggio. Eravamo davvero stanchi questa volta. Il gran caldo ci ha fiaccati», assicura Ciani. Alla festa per il ritorno dei due vespisti sono intervenuti i Vespa Club Gemona, Aviano, Udine, Pordenone, Insetti Scoppiettanti, Portogruaro, Trieste, i Fuori di Vespa, i Terroni in Vespa, gli Inossidabili. Ciani e Fadelli, nell’occasione, hanno ringraziato tutti coloro che hanno permesso la buona riuscita del viaggio, a cominciare dalle amministrazioni comunali e dai club di appartenenza, per chiudere con gli sponsor.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci