Sacile. Nonna Maria, 103 anni, non si era vaccinata: lo Stato le manda lo stesso l'avviso con la multa

Sabato 12 Novembre 2022 di Michelangelo Scarabellotto
Un medico e un vaccino
15

SACILE - La sanzione anti-covid non guarda l’età. Da alcuni giorni una ultracentenaria vive nell’ansia di essere sanzionata dopo essersi vista recapitare l’avviso del procedimento per non aver adempiuto all’obbligo vaccinale anti Covid. Succede a Sacile, dove Maria (nome di fantasia), 103 anni, una delle ultracentenarie che vivono in riva al Livenza e che nei giorni scorsi ha ricevuto dall’Agenzia delle entrate-riscossione la comunicazione di avvio del provvedimento sanzionatorio per inosservanza dell’obbligo vaccinale anti-Covid, che prevede la sanzione pecuniaria, una tantum, di 100 euro prevista per gli over 50 che non abbiano iniziato il ciclo vaccinale primario al 1° febbraio 2022 e che alla stessa data non l’abbiano completato ricevendo la dose booster di richiamo.


LE RAGIONI

Una comunicazione piovuta come un fulmine a cielo sereno in casa della ultracentenaria e che ne ha sconvolto la vita. Nonna Maria non sa darsi pace. Ha perso la serenità che fino a pochi giorni fa contrassegnava le sue giornate in famiglia. La signora Maria si è confidata con Gianfranco Zuzzi, rappresentante del Comitato “No tagli sanità Sacile”, che dopo aver cercato di farle dimenticare questa brutta notizia ha cercato di tranquillizzarla. Così dopo le rassicurazioni, l’anziana ha raccontato di aver deciso liberamente di non farsi vaccinare. I motivi? Svariati. Ma una decisione, la sua, rispettata dai familiari e dal medico curante. Il suo no al vaccino non è dipeso da idee no vax. «Da più parti - fa notare Zuzzi - si ritiene che in molti casi i centenari appaiono più resistenti a Covid -19, come sostengono numerosi esperti, in particolare Claudio Franceschi, uno dei maggiori esperti di persone oltre il secolo di età, professore emerito di immunologia all’Università di Bologna». 


LE LETTERE
Da quanto è emerso sono già state inviate oltre 600mila lettere a persone che non hanno rispettato l’obbligo vaccinale. Le cartelle dovrebbero essere recapitate entro il 30 novembre, salvo un passo indietro sulla misura sanzionatoria da parte del nuovo Governo. Alla signora Maria non rimane che fare ricorso all’Azienda sanitaria giustificando le ragioni della sua rinuncia alla vaccinazione. Nel frattempo i familiari e l’ultracentenaria vivono con rassegnazione e ironia questa vicenda che da un lato vede assegnare alla nonna un minimo aumento della pensione e dall’altro pretendere il pagamento di una sanzione del tutto discutibile in questo contesto sociale. A nonna Maria la solidarietà della comunità sacilese e l’auspicio di spegnere con lei ancora tante candeline.

Ultimo aggiornamento: 17:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci