Il post anti-carabinieri sulla pagina Facebook gli costa 600 euro di multa

PER APPROFONDIRE: aviano, carabinieri, facebook, multa, post
Il post anti-carabinieri sulla pagina Facebook gli costa 600 euro di multa
AVIANO - (C.A.) Seicento euro di multa per aver diffamato su Facebook i carabinieri della stazione di Aviano. Tanto aveva chiesto il vpo Beatrice Toffolon, tanto ieri ha inflitto il giudice Iuri De Biasi a Michele Menegoz Fagaro, 47 anni, residente ad Aviano e difeso dall'avvocato Jessica Canton. Tutto nasce da un post pubblicato il 2 agosto 2015 sul gruppo aperto di Sei di Aviano se.... A sentirsi offesi erano stati i carabinieri della stazione avianese e, in particolare, il loro comandante Luigi Ruzza. Nessuno dei militari dell'Arma si era costituito parte civile, ma la querela era stata collettiva, tutti hanno fatto quadrato per difendere la divisa che indossano.

Menegoz Fagaro era intervenuto in una discussione relativa a un furto in un negozio di telefonia. «I ladri ci hanno onorato della loro presenza - scriveva la titolare rivolgendosi a tutti gli utenti avianesi di Facebook - Sono entrati alle tre di notte, se ci fosse qualcuno che ha notato qualche movimento sospetto è pregato di avvisare. Non ne possiamo più». Molti degli amici Facebook del profilo erano intervenuti e anche Menegoz Fagaro aveva detto la sua. Nel suo intervento aveva espresso anche un giudizio sull'operato dei carabinieri «... cioè farsi ascoltare da un Giudice e non da un semplice comandante di stazione che non gli frega nulla del tuo problema se questo non porta credito per avanzare in carriera o per fare statistica e che è comunque sempre pronto a far dichiarare o firmare il falso o comunque a fornire al gip false ricostruzioni dell'accaduto (giusto comandante? Mi sto sbagliando?... Vergogna!!!)»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 30 Gennaio 2018, 11:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il post anti-carabinieri sulla pagina Facebook gli costa 600 euro di multa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-01-31 10:30:07
Non capisco perché diffamare l'arma che compie sempre il suo dovere. Se talvolta si può trovare una pecora nera,non significa che tutte debbano esser nere. Mi sento pure io offeso se offendono chi cerca di proteggerci,nonostante poi qualche buon giudice renda vana l'opera dei nostri bravi,bravissimi carabinieri. Io l'avrei condannato almeno a sei mesi di grate a quadri.
2018-01-30 18:35:35
Se è stato condannato vuole dire che aveva ragione.
2018-01-30 13:32:28
... querela. arma dei deboli...
2018-01-30 12:41:06
A dir poco è stato un commento decisamente molto pesante. Può riterersi più che fortunato per aver chiuso solo con 600 euro e sembra senza altre condanne.