Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Distrazione fatale, Andrea e il volo nel vuoto: ecco come è morto il tecnico del soccorso alpino

Mercoledì 20 Aprile 2022 di Lorenzo Padovan
Andrea Dal Farra

VAJONT - Una caduta accidentale. Ieri mattina, 19 aprile, l'anatomopatologo Lucio Bomben ha eseguito l'esame esterno sul corpo di Andrea Dal Farra, il tecnico del Soccorso Alpino della stazione di Maniago, morto a 45 anni scivolando da una massicciata nel pomeriggio di Pasquetta, mentre stava facendo una passeggiata in Val Tramontina. Al termine degli accertamenti, che hanno confermato la compatibilità delle ferite con una caduta accidentale da un'altezza di circa tre metri nel punto in cui il torrente Meduna si immette nel lago di Redona, il sostituto procuratore Monica Carraturo ha concesso il nullaosta per le esequie, che saranno celebrate sabato pomeriggio, 23 aprile, nella chiesa parrocchiale di Vajont, il paese di residenza della vittima.

I COLLEGHI
Per l'intera giornata di ieri la stazione del Cnsas di Maniago è stata subissata di telefonate e messaggi di cordoglio da parte di tecnici e volontari di tutta Italia. Sia Andrea Dal Farra, sia la compagna Claudia Colledani, di Castelnovo del Friuli, erano molto noti in tutta la penisola per la passione cinofila e per i cani molecolari in particolare, che conducevano nelle operazioni più delicate. Per dare l'ultimo saluto al volontario sono annunciate delegazioni del Soccorso Alpino in arrivo da tutto il Friuli Venezia Giulia (comprese quelle degli speleologi) e dal Veneto, anche per la continua collaborazione che si registra in occasione di salvataggi che si svolgono lungo il confine regionale. Ci sarà anche un delegato nazionale del Cnsas a testimoniare l'affetto e la vicinanza dei massimi vertici del Corpo, duramente colpito da questa tragedia.

SEMPRE IN PRIMA LINEA
Tutti gli associati parteciperanno al funerale con la divisa d'ordinanza, la stessa divisa che Dal Farra indossava con notevole orgoglio, rispondendo sempre per primo presente quando arrivava l'allerta dalla Sores di Palmanova per portare aiuto a persone disperse o ferite in montagna. In qualsiasi ora del giorno e della notte. Proprio com'era accaduto anche nel giorno di Pasqua, quando Andrea, Claudia e tutti gli altri volontari maniaghesi erano stati mobilitati per un incidente col parapendio a Meduno, risolto poi grazie all'intervento diretto dell'elicottero sanitario lungo le pendici del monte Valinis.

IL PRECEDENTE
In mezzo secolo di attività due sono state le vittime di incidenti in montagna che hanno colpito direttamente la stazione di volontari maniaghesi. Era il 12 giugno del 2012, quasi dieci anni fa, quando morì Mario Bruna, di 60 anni. L'incidente si verificò nella zona della palestra di roccia della Valcolvera. Bruna e un compagno di cordata erano precipitati da una ventina di metri di altezza mentre si esercitavano nella parete rocciosa. Per il tecnico del Cnsas non ci fu nulla da fare. Anche in quella circostanza il pietoso compito di recuperare la salma venne svolto dai medesimi volontari della stazione, con cui decine di volte la vittima aveva messo a rischio la propria incolumità, per portare aiuto a chi si trovava in difficoltà.

MONTAGNA UNITA NEL DOLORE
Anche altre comunità piangono la scomparsa di Andrea Dal Farra: sono quelle di residenza, Vajont, e quella dove lavorava, Meduno, essendo un apprezzato dipendente della Roncadin, dove lavorava come magazziniere. Vastissimo cordoglio è stato espresso anche dagli amici e dagli amministratori della Val Tramontina, dove si è verificata la tragedia e dove l'uomo era apprezzato per la sua adesione alla locale Riserva di caccia, essendo quella venatoria una delle sue passioni, oltre a quella per i cani e per il servizio prestato come soccorritore nella comunità dove viveva. Nemmeno a dirlo, anche nella passione venatoria si distingueva per l'attenzione all'ambiente: era sempre tra i primi a curare la zona dove aveva realizzato un'altana e si metteva a disposizione per i censimenti degli animali per favorire la tutela della fauna.

 

Ultimo aggiornamento: 10:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci