Mancano operatori sanitari: coda per vaccinarsi prima della campanella

PER APPROFONDIRE: coda, obbligo, pordenone, vaccini
Mancano operatori sanitari: coda per vaccinarsi prima della campanella

di Davide Lisetto

PORDENONE - Campagna vaccinale obbligatoria in funzione dell'inizio dell'anno scolastico: il dipartimento di prevenzione dell'Aas5 e i distretti stanno già operando a pieno regime ma si teme il caos prima dell'avvio delle lezioni. I tempi sono ormai molto stretti e il personale - così come gli orari di apertura degli ambulatori - non sono assolutamente sufficienti a garantire le coperture vaccinali nella fascia di età tra zero e sei anni. Inoltre, si stanno allungando le liste di attesa per i piccoli da vaccinare: in media, o oggi, siamo già oltre i tre mesi di attesa. Per l'antitetanica, salvo le urgenze, si arriva quasi a sei mesi.
La Regione dovrebbe convocare un tavolo nei prossimi giorni per stabilire le modalità della campagna: è molto probabile che l'Azienda pordenonese chieda rinforzi poiché il personale in servizio nell'ambito delle vaccinazioni è sotto organico di più di qualche unità. Impossibile pensare che nel mese di agosto si riesca a vaccinare tutti i bambini: quasi nessuno infatti ha fatto tutte e dieci le vaccinazioni obbligatorie, la maggioranza è coperta per le quattro (anti-epatite b, antipolio, difterite e tetano) che erano obbligatorie prima del recente decreto governativo che obbliga ai dieci vaccini.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 27 Luglio 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mancano operatori sanitari: coda per vaccinarsi prima della campanella
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-07-27 21:37:31
Italiani, cominciamo a disubbidire a chi ci governa ma non ci rappresenta nè è stato eletto ed adesso vuole pure intascare i soldi delle case farmaceutiche danneggiando la salute dei nostri figli. Basta! È ora di disobbedire e liberare l Italia da questi cialtroni.
2017-07-27 18:18:08
Eh sì, proprio il "gregge" è il caso di dire... come vuole il sistema. Da auspicare nel frattempo una mobilitazione incisiva dei genitori; mandare segnali molto forti oggi dovrebbe essere un obbligo ed un dovere per tutti, anche per chi non è genitore.
2017-07-27 12:18:53
Ecco il gregge che corre a vaccinarsi, senza far domande, in strutture "sotto organico". Bel spettacolo..