Scovato in Cambogia il latitante Casagrande: deve scontare 13 anni per reati finanziari

Mercoledì 14 Aprile 2021
Interpol

PORDENONE - Due italiani latitanti, dei quali uno è di Pordenone, con pene passate in giudicato per violenza sessuale su minore e una serie di reati finanziari, sono stati arrestati ieri in Cambogia al termine di un'operazione coordinata tra le autorità giudiziarie italiane, quelle locali e l'esperto per la sicurezza dell'Interpol. Christian Casagrande, 45enne di Pordenone e Antonello Marras, 45enne nato a Ozieri (Sassari) sono stati catturati a Phnom Penh dopo che Marras era stato attirato all'ufficio immigrazione locale con uno stratagemma.

Successivamente, nella sua abitazione è stato rinvenuto anche Casagrande. Marras è stato condannato nel 2020 dalla Corte di appello di Milano a otto anni e otto mesi di reclusione per violenza sessuale su minore, mentre Casagrande, ricercato dal 2017, deve scontare una pena residua di 13 anni per una serie di reati finanziari che vanno dal concorso in estorsione aggravata alla falsificazione di carte di credito. Contro i due saranno presto attivate le procedure per l'estradizione. 

Ultimo aggiornamento: 16 Aprile, 10:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA