Mercoledì 28 Novembre 2018, 12:31

Famiglia islamica contro l'ora di educazione fisica: «Sì, ma con il velo»

PER APPROFONDIRE: classi miste, ginnastica, islam, scuola, velo
Famiglia islamica contro l'ora di educazione fisica: «Sì, ma con il velo»

di Marco Agrusti

PORDENONE - L'ora di educazione fisica a scuola vissuta assieme ai compagni di classe di sesso maschile va bene, ma dev'essere lasciata la libertà alla famiglia di decidere cos'è meglio per la propria figlia. In sintesi, è l'opinione che filtra dalle stanze del Centro islamico della Comina, la massima rappresentanza istituzionalizzata dell'universo musulmano pordenonese. Il caso della giovane studentessa originaria del Maghreb la cui famiglia ha chiesto a un istituto scolastico cittadino di non farla partecipare alle lezioni di educazione fisica (il problema era rappresentato dalla presenza contemporanea in palestra di ragazzi e ragazze) ha suscitato reazioni anche all'interno del Centro islamico. La replica è stata affidata non all'Imam Hosni, che si trova all'estero e ha scelto di non parlare, ma al vicepresidente dell'associazione, Ben Driss. La sua posizione, che rappresenta quella del Centro islamico, da un lato riconosce (ce ne fosse stato bisogno) la libertà della scuola di perseguire gli obiettivi fissati nel
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Famiglia islamica contro l'ora di educazione fisica: «Sì, ma con il velo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2018-11-30 15:47:06
Sono proprio felice di non vivere più in Italia, paese composto in larga maggioranza da smidollati e da senza attributi. Qui dove vivo da diversi anni è un paese europeo a maggioranza cattolica ed essendo un paese molto ospitale, com'è ovvio, ci molti musulmani. In tutti i centri commerciali e in tutte le scuole ogni anni vengono allestiti presepe e/o alberi di Natale, a differenza di quanto avviene in Italia, qui hanno subito spiegato agli ospiti me incluso, che ci sono regole, obblighi, tradizioni che vanno rispettate, pertanto non accettano assolutamente imposizione alcuna da coloro che grazie alla generosità del governo e dei cittadini hanno trovato un paese che li ha accolti e dato un futuro per chi è appunto meritevole e rispettoso. È inutile dire che qui nessuno fiata e tutti fanno la loro parte, anche perchè a nessuno viene permesso di farla fuori dal vaso. Imparate PS: ci tengo a sottolineare che io e tutta la mia famiglia non siamo credenti, pertanto non parlo per partito preso.
2018-11-29 06:22:47
Vedo una Signora molto rispettosa del canone vestiario originale.Lei ed una sua correligionaria dirimpettaia, fanno a gara a sintonizzare radio o tv satellitare sullo stesso canale: il salmo del Muezzin rimbomba tra gli edifici.Poi vanno alla Caritas spesso e volentieri, fanno incetta ed hanno i garage trasformati in suk.Cosi'poi la bella figura di donare ai connazionali la fanno loro.Chi si lamneta e tira fuori questioni,poi chiede...per esempio ragzzine e ragazzini vanno ai rispettivi separati corsi sportivi di societa' convenzionate...poi al momento del saldo conto.... le mamme mercanteggiano, dilazionano, chiedono sconto , esenzione per il secondo,terzo...figlio frequentante.
2018-11-28 18:44:24
Cacciamoli via tutti.
2018-11-28 18:42:01
a casa loro subito.Io ho fatto 45 anni in giro per lavoro in africa medio oriente america centrale mi sono adattato a USI E COSTUMI LORO.
2018-11-28 18:35:59
il futturo nel mondo e' ISLAM. dovete rassegnarvi