Gesù sostituito con Perù per non turbare i musulmani: bufera sulla maestra

Gesù sostituito con Perù per non turbare i musulmani: bufera sulla maestra
PORDENONE - La parola Gesù sostituita con Perù per non urtare la sensibilità dei bambini stranieri. È accaduto alla scuola primaria Beato Odorico da Pordenone di Zoppola, come scrive Il Gazzettino di oggi. Si tratterebbe di una canzone dal titolo «Minuetto di Natale», dove in un passaggio c'è il nome di Gesù.

L'insegnante, pensando che in questo modo si potesse turbare la sensibilità di chi non appartiene alla religione cristiana, ha sostituito il nome Gesù con uno che non avrebbe messo in difficoltà nessuno. La vicenda è stata scoperta dai familiari di due fratellini che durante il pranzo di Natale hanno intonato a casa la canzoncina imparata a scuola. I genitori hanno allora chiesto spiegazioni. La notizia si è diffusa in poco tempo e sui social sono state postate tante critiche nei confronti della maestra e della scuola.
La dirigente scolastica sostiene che non sapeva nulla dell'iniziativa della maestra e ieri ha richiamato verbalmente la docente. Da parte sua l'insegnante si è detta 
«dispiaciuta» e ha promesso che «un fatto simile non si ripeterà più».

LE PRIME REAZIONI. «Roba da matti: ormai il politicamente corretto ha superato ogni limite di decenza - commenta il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni - ed è diventato grottesco e ridicolo».  
E si fa sentire anche il governatore Debora Serracchiani: «La tolleranza e l’apertura verso tutte le culture e le religioni è un patrimonio storico del Friuli Venezia Giulia - osserva - ma va posta molta attenzione in tutti quegli atti che potrebbero apparire come una censura delle tradizioni cristiane». Per cui, prosegue Serracchiani, 
«appaiono quantomeno fuori luogo iniziative che tendono ad autosopprimere espressioni tradizionali. La laicità delle istituzioni deve anche difenderci da ogni forma di eccesso di zelo».

Mentre Sandra Savino, parlamentare e coordinatrice regionale di Forza Italia in Friuli, sottolinea che «non c'è forma di violenza, arroganza, prepotenza peggiore di quella ammantata di buoni propositi. Come quella della maestra di Zoppola di Pordenone che decide di sostituire la parola Gesù per non offendere (questa la sua giustificazione) gli alunni di fede islamica. Probabilmente - aggiunge la parlamentare - alla maestra non succederà niente, a livello disciplinare, come lasciano intendere le parole della dirigente scolastica che ritiene di dover intervenire in situazioni più gravi. L'iniziativa ideologica dell'insegnante è di una gravità estrema per due motivi: perché diseduca su un fatto storico come la nascita di Cristo mescolando deliberatamente e arbitrariamente discipline diverse e creando confusione per occultare concetti ritenuti scomodi e soprattutto perché utilizza bambini di otto anni per combattere le proprie battaglie politiche. Altro che laicità della scuola!».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 30 Dicembre 2017, 16:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gesù sostituito con Perù per non turbare i musulmani: bufera sulla maestra
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 72 commenti presenti
2018-01-01 10:20:07
Questo modo di approcciare l’integrazione, soprattutto delle religioni, è tipico della sinistra italiana; non mi meraviglierei se la maestra in questione appartenesse a quell’area politica, l’area dei catto-comunisti. L’ipocrisia di certi pensieri “democratici” si trasforma in stupidità ed ingiustizia sociale mascherate da rispetto ed accoglienza e questo accade solo dove c’è la religione Cristiana, particolarmente in italia. Il rispetto delle altre religioni è frutto di pavidità ideologica perché in realtà non stiamo parlando di altre religioni ma di UNA religione, quella Islamica! Noi dobbiamo rispettare coloro ( gli islamici ) che non solo non ci rispettano quando andiamo a casa loro, ma paradosso dei paradossi non ci rispettano neppure a casa nostra pretendendo, sempre più spesso in modo violento, il riconoscimento delle loro necessità religiose e culturali qui da noi. No “cara” maestrina ipocrita, fosse per me lei in Italia non insegnerebbe più, piuttosto la manderei a vivere qualche anno in Arabia Saudita così che capisca come funziona QUELLA religione che lei vuole rispettare. E se si trincerasse dietro al fatto che lei ha a che fare con bambini, si ricordi che essi hanno alle spalle famiglie che li inculcano e che spesso violano le nostre leggi per “ educare” la loro prole ad odiare le altre religioni. Chi non rispetta il paese che lo accoglie deve tornarsene a casa sua , senza se e senza ma! Buon anno.
2018-01-01 10:14:49
Questo modo di approcciare l’integrazione, soprattutto delle religioni, è tipico della sinistra italiana; non mi meraviglierei se la maestra in questione appartenesse a quell’area politica. L’ipocrisia di certi pensieri “democratici” si trasforma in stupidità ed ingiustizia sociale mascherate da rispetto ed accoglienza e questo accade solo dove c’è la religione Cristiana, particolarmente in italia. Il rispetto delle altre religioni è frutto di pavidità ideologica perché in realtà non stiamo parlando di altre religioni ma di UNA religione, quella Islamica! Noi dobbiamo rispettare coloro ( sostanzialmente gli islamici ) che non solo non ci rispettano quando andiamo a casa loro, ma paradosso dei paradossi non ci rispettano neppure a casa nostra pretendendo, sempre più spesso in modo violento, il riconoscimento delle loro necessità religiose e culturali qui da noi. No “cara” maestrina ipocrita, fosse per me lei in Italia non insegnerebbe più, piuttosto la mabpnderei a vivere qualche anno in Arabia Saudita
2018-01-01 09:02:10
un'altra idiozia...allora sostituiamo Maometto con Confetto e vediamo se e' accettabile ai nostri amici e fratelli musulmani per non offendere altre religioni...Maestra ignorante
2017-12-31 18:44:56
licenziatela subito perché offende la cultura italiana in Italia.
2017-12-31 18:38:02
Licenziamento immediato. Vale anche per gli autori del programma TV dove hanno modificato il testo della canzone della Carra'.