Sequestrano la figlia per "educarla": genitori tunisini a giudizio

Sedicenne sequestrata per essere  "educata": genitori tunisini a giudizio

di Susanna Salvador

PORDENONE - Dovranno rispondere di ipotesi d’accusa molto pesanti, i due genitori che ieri mattina il gup Eugenio Pergola ha rinviato a giudizio. Si va dal sequestro di minore (la figlia all’epoca sedicenne), alle lesioni fino alla violenza privata. Difesi d’ufficio, i due, che ora vivono all’estero, dovrebbero comparire in aula a giugno.

Una famiglia tunisina con 3 figli e alcuni problemi legati, da quanto denunciato dalla figlia, all’educazione che volevano imporle. Il rapporto si inasprisce sempre più finché un giorno la ragazzina va a denunciare la madre e racconta di essere costretta a vivere segregata: viene affidata a una comunità, dalla quale, però, continua a scappare.  Ed è proprio la decisione “presa dall’alto” a rendere furiosi i genitori della sedicenne che controllano la figlia e scoprono che riesce, a loro dire, a scappare dalla comunità tanto da prendere una cattiva strada. Un giorno vengono a sapere che si trova a casa di un amico e decidono di andare a prenderla. Ed è proprio lì, secondo l’accusa, che ci sarebbe stata la violenza privata.

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 28 Marzo 2018, 06:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sequestrano la figlia per "educarla": genitori tunisini a giudizio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-03-29 18:50:10
Non so cosa pensare. Questa scappa continuamente dalla comunita'. Sicuramente qualche sberla l'ha presa pero'non so quanto facile sia gestire quella ragazza. Non lo so proprio
2018-03-28 16:05:45
Ma questi vivono all'estero. E della finta e falsa giustizia italiana non gliene frega un piffero.
2018-03-28 12:43:13
... globalizzante globalizzazione.. dove arriva s'impone.. se poi la si va a prendere è quasi d'obbligo..
2018-03-28 10:12:21
Credo sia difficilissimo comunicare con persone che...non intendono ascoltare.Ognuno ha giustamente i propri usi e tradizioni, ma quando si vive in un Paese diverso da quello dove sei nato, si "dovrebbero",il condizionale è d'obbligo rispettare usi, costumi e soprattutto leggi del Paese dove sei stato ospitato, hai trovato una casa, un lavoro e spesso protezione.
2018-03-28 10:08:00
Per fare i genitori dovrebbe essere richiesto un patentino altrimenti si fan grossi danni, come dimostrato da innumerevoli fatti di cronaca.