Gattina salvata e sterilizzata, animalista denuncia i veterinari

Sabato 9 Ottobre 2021
Gattina (foto di repertorio)
4

PORDENONE - Una gattina salvata nel vano motore di un'auto, dove aveva cercato un po' di calore, ha rischiato di trasformarsi in un incubo giudiziario per tre veterinari e l'animalista Aurora Bozzer. Tutti e quattro sono stati denunciati per maltrattamento di animali. Il fatto segnalato alla Procura - secondo il sostituto procuratore Federico Baldo - non costituiva reato o comunque era inoffensivo. Era destinato all'archiviazione, ma la denunciante, a sua volta animalista, si è opposta portando la questione davanti al gip Rodolfo Piccin, che ieri ha sciolto la riserva confermando che non vi è alcuna prova che Aurora Bozzer, in qualità di responsabile del canile di Villotta, e i veterinari Maria Concina, Marta Dal Cin (AsFo) e Aldo Brenda abbiano maltrattato la gattina. Il caso è chiuso. Archiviato.

LA VICENDA

La storia della gattina, che è stata chiamata Maria Pia e adesso è stata data in adozione, comincia il 14 ottobre 2019, quando viene salvata nel vano motore di un'auto. Viene portata con l'ambulanza veterinaria al canile di Villotta, dove Maria Concina, veterinaria e all'epoca direttrice sanitaria della struttura fondata da Aurora Bozzer, provvede all'applicazione del microchip. «Non si faceva toccare - spiega l'avvocato Alessandra Marchi - La veterinaria ha dovuto sedarla per poterla microchippare, a quel punto, visto che stava bene ed era sedata, ha deciso di procedere con una sterilizzazione precoce». Il 17 ottobre la veterinaria ha nuovamente valutato l'animale: stava bene e, visto che era stata anche sverminata, ha dato il via libera affinché fosse rilasciata sul territorio, come preventivamente concordato con l'Azienda sanitaria.

IL RITROVAMENTO

Il 25 ottobre un'animalista trova la gattina in condizioni precarie (coccidiosi e herpes). Dalla lettura del microchip scopre che è di proprietà del Comune di Pordenone. Da un accesso alla documentazione dell'Azienda sanitaria scopre che è stata sterilizzata e le sono stati somministrati farmaci. A quel punto, ritenendo che l'intervento chirurgico fosse all'origine del cattivo stato di salute della gattina, ha sporto denuncia per maltrattamenti. Il caso era stato molto dibattuto anche su Facebook, dove non sono mancati commenti pesanti e offensivi nei confronti di coloro che si sono occupati della micina, tanto che chi si è sentito diffamato si è già tutelato.

LA CONVENZIONE

Per ora, dunque, si chiude il capitolo dei presunti maltrattamenti (il gip ravvisa che non è possibile dimostrare che le patologie di cui soffriva Maria Pia al momento del ritrovamento fossero conseguenza dei trattamenti ricevuti nella clinica di Villotta). «È stata restituita dignità agli operatori che si sono occupati della gattina», osserva l'avvocato Marchi. Nel frattempo l'AsFo ha rinnovato per un altro anno la convenzione con il canile di Villotta per l'affidamento degli animali catturati sul territorio e bisognosi di cure.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA