Il furto e poi in fuga contromano. Inseguimento da film in centro città: «Ho temuto gli spari»

Alla guida dell'auto un cittadino albanese di 25 anni arrestato per rapina impropria

Venerdì 2 Dicembre 2022 di Susanna Salvador
Rubano in casa e scappano, inseguimento da film, distruggono auto, preso un ladro, caccia agli altri
7

PORDENONE - Sono le 18.20 di un venerdì come tanti in città, quando arriva la segnalazione di un furto in abitazione in via San Donà di Piave: il figlio dei padroni di casa ha sentito un trapano in azione ed ha dato l'allarme. Poi la tentata fuga dei ladri inseguiti dalla Polizia di Stato, intercettati prima in viale Venezia, dove hanno colpito una Volante, e quindi la corsa, folle, lungo viale Libertà tallonati dalle auto degli agenti fino ad imboccare contromano viale Dante, a quell'ora molto trafficato. L'auto dei banditi, una Giulietta, ha centrato una Citroen Picasso e si è infilata, incastrandosi, tra due auto in sosta. Scene che sembravano un film e che certamente nessuno dei tanti automobilisti che transitavano lungo il ring si aspettava di vedere. Quattro dei cinque banditi sono riusciti a scappare chi verso parco Galvani, chi verso piazza Risorgimento, ma quello che era alla guida dell'Alfetta, un cittadino albanese di 25 anni, è stato bloccato da un agente, aiutato da un passante. L'uomo è stato così arrestato per rapina impropria. «Lo ha braccato sopra il cofano della mia macchina», racconta ancora incredula Nicoletta Moras, figlia del compianto Demetrio anima della Pordenonepedala. La donna era alla guida della Citroen Picasso bianca che ha di fatto bloccato la fuga della banda. Stava andando in stazione e di paura ne ha presa tanta.


IL RACCONTO

«Ero incolonnata quando ho visto dei lampeggianti e in quel momento le sirene hanno cominciato a suonare. Ma non si capiva niente anche perché piovigginava. La macchina che mi è venuta addosso era poi a fari spenti». Mentre Nicoletta Moras racconta, arrivano gli agenti della Scientifica che dall'auto dei banditi portano via una mazza e, si saprà poi, anche parte della refurtiva e alcune targhe. La vettura utilizzata per il colpo potrebbe infatti essere rubata. «Ho visto che la macchina arrivava contro di me, ho sterzato leggermente a destra però si è immessa tra la mia e altre tre parcheggiate (nel lato dell'ex gelateria Artigiana). Quindi io gli ho bloccato la strada». La Giulietta nera è ancora lì, incastrata. Nicoletta la indica, come per capacitarsi che è realmente accaduto. «Uno è riuscito a uscire dalla macchina, però continuava a spingere la mia e io in quel momento ero presa dal panico, pensavo fosse un poliziotto in borghese, perchè mai avrei pensato fosse una fuga da film». Ha capito dopo quello che era successo, «quando poi la Polizia lo ha braccato sopra il cofano della mia macchina. Io da lì ho attraversato la strada e sono fuggita perchè pensavo fossero armati». Un timore affatto irreale. Si saprà poi che il bandito catturato dagli agenti era alla guida dell'auto: privo di documenti potrebbe essere di nazionalità romena o albanese. Come probabilmente gli altri quattro che sono scappati facendo perdere, per ora, le loro tracce.


LE INDAGINI
Le auto incidentate, quasi protette da alcune vetture della Polizia di Stato, attiravano gli sguardi stupiti degli autombilisti che transitavano in viale Dante dove si erano formate lunghe code. Gli agenti intanto si sono messi alla ricerca dei fuggitivi, con loro anche i carabinieri, mentre altri allarmi per furti scattavano in diverse zone della città, sia in centro che in periferia. Il ladro fermato è stato portato in questura per identificarlo. Potrebbe fare i nomi dei suoi complici come tenere la bocca chiusa. La stagione dei furti nelle abitazioni sembra essere ripresa e in modo assai movimentato.
 

Video

Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre, 08:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci