Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Politiche, collegi e liste quasi chiuse, ecco chi ha preso un biglietto per Roma

Sabato 6 Agosto 2022 di Antonella Lanfrit
Elezioni, ecco chi sono i dodici che andranno a Roma

FRIULI - Mercoledi prossimo è la data che campeggia in rosso nella maggior parte delle agende dei partiti regionali: a Roma si consegneranno le liste dei candidati o si scioglieranno gli ultimi nodi sui nomi che davvero avranno possibilità di essere eletti. Un passaggio fondamentale, quest’ultimo, perché a seconda del posto in lista ognuno capirà se la sua candidatura è «di servizio» o se è tale da portare in dote un posto in Parlamento. Poi, qualche affinamento per le attribuzioni dei collegi, ma nei partiti si è convinti che a Ferragosto i giochi saranno chiusi. Fatta salva la libertà dell’elettorato, nelle ultime tornate estremamente mobile, con le percentuali che si attribuiscono attualmente ai partiti in campo la squadra dei 12 parlamentari Fvg dovrebbe essere così composta: 3 parlamentari Fdi, 3 leghisti, 3 del Pd e uno di Fi. Sin qui le suddivisioni quasi certe. Restano due caselle da aggiudicare: sono date entrambe al centrodestra in virtù dei resti e in contesa tra Fdi e Lega.


I QUATTRO SENATORI 
Se sui numeri c’è una certa sicurezza, sui nomi dei candidati vincenti le voci ancora si rincorrono. Tuttavia, qualche schema c’è. I quattro senatori saranno eletti uno nel collegio uninominale che comprende tutta la regione, e lì pensa di spuntarla il capogruppo uscente al Senato di Fdi Luca Ciriani, e 3 nei collegi proporzionali, dove in posizione utile dovrebbero essere posti Tatjana Rojc per il Pd, senatrice uscente espressione della minoranza slovena; Mario Pittoni, senatore uscente della Lega, vicinissimo a Matteo Salvini e responsabile del dipartimento Scuola del partito, un terreno considerato importante per la raccolta di voti; Emanuele Loperfido, coordinatore provinciale di Fdi. In alternativa il nome di una donna, ancora da decidere.


GLI OTTO DEPUTATI
Tre deputati saranno eletti nei collegi uninominali e cinque in quelli proporzionali. Per gli uninominali le corse date per vincenti sono quelle della pordenonese leghista Vannia Gava, capo dipartimento Ambiente della Lega, sottosegretario all’Ambiente e anche lei, come Pittoni, fedelissima di Salvini; della triestina forzista Sandra Savino, deputata uscente. Il terzo uninominale è dato in quota Fratelli d’Italia sul collegio Trieste/Gorizia. Se fosse così, la scelta potrebbe essere tra la coordinatrice provinciale goriziana Francesca Tubetti e l’assessore comunale di Trieste Nicole Matteoni. Per i collegi proporzionali, il Pd dovrebbe mettere in posizione favorevole la capogruppo alla Camera uscente Debora Serracchiani seguita, e se confermato si comprenderebbe ancor meglio la maretta tra i Dem, da Cristiano Shaurli, segretario regionale ma ancor più espressione della sinistra entro i Democratici. Una simile scelta, i contatti all’interno del partito sono serrati, falcerebbe i candidati da più tempo a bordo campo, cioè i consiglieri Franco Iacop (anima ex Margherita) e Francesco Russo (amico di lunga data di Enrico Letta) e l’ex parlamentare Paolo Coppola. Altre due caselle sono attribuite alla Lega e qui, stando agli ultimi rumors, sarebbero collocati in posizione utile il segretario regionale ed europarlamentare Marco Dreosto e probabilmente, ma non è certo, il deputato uscente Massimo Panizzut. Il consigliere regionale Graziano Pizzimenti, se in lista, allo stato non è dato ancora in posizione di sicura elezione. L’ulteriore casella utile al proporzionale è per Fratelli d’Italia, dove siederà il segretario regionale Walter Rizzetto.
LE INCOGNITE 
Naturalmente nelle stanze dei partiti nulla ancora è dato come scritto con il fuoco. Anche perché in Friuli Venezia Giulia le candidature alle politiche non sono del tutto disgiunte dalle decisioni che si dovranno prendere per le elezioni regionali.

Ultimo aggiornamento: 12:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci