Spese pazze, ex capogruppo Lega
condannato a risarcire la Regione

PER APPROFONDIRE: danilo narduzzi, fvg, lega, regione, spese pazze
L'ex capogruppo leghista in Regione Fvg Danilo Narduzzi
TRIESTE -  (r. p.) Due giustizie, due valutazioni. Il magistrato che ha giudicato i politici regionali di "spese pazze", quelli travolti dall’inchiesta sui rimborsi percepiti dai gruppi consiliari nella passata legislatura, li ha assolti perchè ritiene che l’ipotesi di peculato sia infondata. La magistratura contabile sta invece mandando il conto: l’ultimo piuttosto salato. A riceverlo è stato il pordenonese Danilo Narduzzi, ex capogruppo della Lega Nord. La procuratrice Tiziana Spedicato aveva individuato un danno erariale di 233.650 euro tra il 2010 e il 2012. La Corte dei conti ha riconosciuto legittime alcune spese (es.: libri) e ha quantificato il danno in 172.073 euro. Cifra che è stata ulteriormente scontata del 10%. La Corte, infatti, ritiene che da parte dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale non vi sia stata adeguato controllo. Almeno il 10% del danno è dunque imputabile all’Ufficio di presidenza. Alla fine Narduzzi è stato condannato a restituire 154.865 euro (somma che dovrà essere soggetta a rivalutazione monetaria e interessi legali) e a pagare 5.933 euro di spese di giudizio.

È, fino ad oggi, il danno erariale più importate stabilito dalla Corte dei conti nell’ambito dell’inchiesta sui rimborsi ai gruppi regionali. Secondo i giudici, ad aggravare la posizione dell’ex capogruppo del Carroccio sarebbero stati il disordine e la confusione con cui sarebbero stati gestiti i contributi pubblici destinati alla Lega Nord. Narduzzi ha fornito chiarimenti che hanno portato a imputare altri consiglieri, che hanno già restituito alla Regione gli importi contestati. Sotto la lente della Procura contabile erano finite spese di rappresentanza, pernottamenti, viaggi, pedaggi autostradali, parcheggi, taxi, pieni di benzina, compensi a collaboratori e consulenti, spese di divulgazione. Non hanno trovato giustificazione la «spendita di risorse destinate al funzionamento del gruppo consiliare» legate all’acquisto di elettrodomestici, casalinghi, orologi e articoli di gioielleria, ma anche materiali da costruzione, servizi in istituti di bellezza e ingressi negli stabilimenti balneari.
Stigmatizzato - sia dalla Procura che dai giudici - anche il comportamento di Narduzzi il giorno in cui la Guardia di finanza arrivò in Consiglio regionale per i controlli disposti dalla Procura ordinaria di Trieste: «Dava disposizioni - riporta la sentenza  - affinchè prima dell’accesso degli agenti fosse manomessa la documentazione  dei rimborsi».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Luglio 2016, 15:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Spese pazze, ex capogruppo Lega
condannato a risarcire la Regione
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2016-07-28 17:14:42
Eliso Franco inun anno non ha risolto nulla ah boh mah
2016-07-27 18:45:34
x gazzettino159797 2016-07-27 02:17:46 - Si, vero, infatti era rivolto a chi sostiene una teoria che non ha nessuna struttura se non quella del resto del mondo con tutte le debolezze umane e anche disumane. Se alcuni si ergono rispetto ad altri, senza averne ragione, solo questi possono cambiare, quindi, visto l'andazzo la speranza va scemando, a meno che, il resto d'Italia non si rassegni ad essere sottomesso, ma non credo in questa possibilità, credo piuttosto all'estensione della coltivazione del peperoncino calabro anche in zone vergini (si fa per dire).
2016-07-27 02:17:46
@ Franco-tv 2016-07-26 10:41:41: rassegnarsi è il modo migliore affinchè nulla cambi.
2016-07-26 22:32:15
Hai, hanno beccato un altro legaiolo. In tutto sono quattro disperati, alla fin fine ne manca ancora uno. Ciao enrico....
2016-07-26 10:41:41
Tutti hanno un po' ragione, quello che è certo è che anche nelle terre magiche se ne combinano di tutti i colori, rassegnarsi!