«Non ho soldi per far curare i miei figli: mi offro di lavorare gratis dal dentista»

PER APPROFONDIRE: artigiano, crisi, dentista, gratis, pordenone
«Non ho soldi per far curare i figli: offro lavoro gratis al dentista»

di Susanna Salvador

PORDENONE - La crisi colpisce in Friuli. «Lavoro da quando avevo 15 anni e non voglio la carità, ma ora ho bisogno di aiuto». Gli occhi diventano lucidi quando racconta dei figli (tre dai 6 ai 16 anni) che «hanno visto il mare solo qualche volta, il più piccolo mai. I soldi per la benzina sono un lusso»; e del padre di 90 anni che ancora oggi «mi dà una mano a pagare le bollette o la gita scolastica». Lui ha 47 anni e mani d'oro: pittore-restauratore ha lavorato nella ristrutturazione di ville venete fra Venezia e Asolo. Poi è arrivata la crisi e con lei Equitalia

E ha scelto i social per lanciare l'appello: "Cerco un dentista che possa accettare un'operazione di scambio bilaterale (baratto) per curare i miei figli". «Non voglio vestiti firmati, auto o telefonini. Voglio solo che i miei figli possano andare dal dentista anche se  non ho nemmeno i soldi per mandarli in palestra».


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Dicembre 2016, 08:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Non ho soldi per far curare i miei figli: mi offro di lavorare gratis dal dentista»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2016-12-14 21:10:58
A quei bravi consiglieri che invitano il malcapitato a rivolgersi alle USL per avere degli interventi gratuiti, vorrei dire che se io devo prendere appuntamento con il mio dentista, che poi devo pagare, salvo che non si tratti di urgenze, prima del suo intevento devo aspettare come minimo 10/15 giorni. Figuriamoci come sono messe le liste d'attesa per gli interventi gratuiti. Poi se qualcuno vive in qualche isola felice...
2016-12-14 17:47:49
x kamunista . Come fai ad escluere i clandestini da ogni (ormai) contesto della vita sociale italiana ? Negli ultimi 3 anni ne sono arrivati oltre 500 mila e sono ancora tutti qui ; sono dappertutto , ospedali, stazioni, parchi ,piazze , parcheggi e sempre a chiedere denaro . Denaro oltre a quello generosamente dato alle coop bianche e rosse che va dai 35 euro ai 90 euro se sono minori e che non avendo (volutamente) documenti molti diventano minori sempre e solo a beneficio delle coop . Se lei fosse intelligente capirebbe che questa e'una vera piaga per l'italia e continuera'ad esserlo sempre di piu' perche' non c'e' nessuna possibilita' di dare un lavoro a tutti (95% maschi) quelli arrivati e a quelli che sicuramente arriveranno !
2016-12-14 15:49:34
ancora prima di iniziare a leggere i commenti, ne aspettavo almeno uno sui profughi... quanta ignoranza :(
2016-12-14 14:02:55
il fatto che non abbia i soldi per mandare i figli in palestra, o che i suoi figli non abbiano mai visto il mare sono cose di secondaria importanza. Giustamente se ha un ISEE basso può usufruire dell'assistenza sanitaria gratuita, anche dal dentista, presso la ULSS di competenza. Semmai il vero problema di questo signore è non avere i soldi per pagare le utenze domestiche, ma purtroppo questo è un problema di tanti italiani impoveriti dalla crisi. Ma lo Stato li lascia soli, troppo preoccupato di elargire 30€uro al giorno ai profughi!!
2016-12-14 11:57:14
Equitalia ma direi lo stato in generale chiede a prescindere. L'iva la paghi anche se non hai incassato (ora sembra non sarà più così) INPS e INAIL paghi dei minimi perchè sei iscritto anche se non incassi 1euro e un conguaglio in base a quanto fatturi. Secondo me c'è poco da fare la cicala quando hai: - i costi fissi tra tasse comemrcialista ecc.. che spingono in alto il tuo costo orario - la concorrenza al ribasso soprattuto come imbianchino (chiamiamolo col vecchio nome) dove è facile improvvisarsi con un bidone di colore e un pennello lavorando in nero. Considerando poi che le ville di pregio non sono infinite e che causa crisi tutti cerchiamo di risparmiare direi che per il signore che, a mio parere, vorrebbe continuare (giustamente) a fare un lavoro di qualità, non c'è più trippa.