Covid, pugno duro nelle scuole: quarantene estese per non far esplodere i contagi

Venerdì 24 Settembre 2021 di Marco Agrusti
Studenti con le mascherine a scuola

L’ultimo caso in ordine di tempo riguarda uno degli istituti scolastici più grandi e importanti di tutta la regione: il Kennedy di Pordenone.

Un allievo è risultato positivo al Covid nell’ambito di un piccolo focolaio familiare e le misure sono scattate immediatamente. Non sono stati rimandati a casa da scuola solo i compagni più vicini al suo banco, ma tutta la classe. Lo ha confermato la dirigente scolastica dell’istituto, Laura Borin. Ora scatteranno i test di massa per verificare l’eventuale movimento del contagio. Ed è un modus operandi che viene seguito sempre più spesso in tutto il Fvg: una specie di “linea dura” contro la diffusione del Covid che sta facendo storcere il naso a molte famiglie ma che rappresenta l’architrave per una scuola in presenza e senza il rischio di far riesplodere i casi tra i giovani. 


IL METODO


«Le linee guida sono chiare, bisogna fare così», ha spiegato ieri l’assessore regionale all’Istruzione, Alessia Rosolen, che ha auspicato allo stesso tempo anche un monitoraggio (tra gli adulti in questo caso) dei soggetti vaccinati così come di quelli che ancora non lo sono. Insomma, in regione anche in questa nuova fase della pandemia prevale la linea dura sulla quarantena. E sempre più spesso a un contagio tra gli studenti corrisponde l’isolamento e il ritorno alla didattica a distanza per l’intera classe. È accaduto, sempre in provincia di Pordenone, anche a San Giorgio della Richinvelda. In passato, invece, proprio nel Friuli Occidentale il protocollo prevedeva maglie leggermente più larghe, con la quarantena disposta spesso solamente per gli allievi più vicini al contagiato. Sono nove, invece, le classi in quarantena nell’ambito dell’Azienda sanitaria del Friuli Centrale. Si segnalano casi di questo tipo tra elementari e medie, mentre al Sello e allo Stringher ci si è limitati all’isolamento degli studenti contagiati. Si deve anche badare a un altro aspetto: la scuola per la prima volta è ripartita al 100 per cento della frequenza e non sempre nelle classi è possibile rispettare il metro di distanza (in ogni direzione) tra gli studenti. Ecco perché si procede alla quarantena generalizzata in molti più casi rispetto al passato. 


L’EFFICACIA


I Dipartimenti di prevenzione hanno un solo obiettivo da raggiungere: evitare che il contagio possa espandersi magari in una intera scuola e che quindi i numeri possano salire confermando i timori dei più pessimisti. Ci sono però armi diverse e più accurate rispetto a quanto accadeva mesi fa. Primo, ora sono a disposizione i test salivari. Le scuole sentinella partiranno a breve con gli esami (senza bisogno di un team di esperti in classe, vista la facilità dell’autosomministrazione) e le adesioni alla campagna stanno letteralmente volando. Sono 470, ad esempio, a Fiume Veneto, mentre sempre al Kennedy sarà svolto lo screening più accurato di tutta la provincia di Pordenone. 
Ma non ci sono ovviamente solo i test rapidi salivari di ultima generazione. Le “squadre speciali” dei Dipartimenti di prevenzione utilizzano sempre più spesso il sistema dei test a tappeto per accorciare o “annullare” la quarantena dei ragazzi che si trovano a far parte di classi con la presenza di un contagio. È il cosiddetto sistema “test to stay”, che permette a chi è negativo di tornare a scuola e di non studiare a distanza. Un metodo che ora molti - anche tra gli esperti - vorrebbero fosse istituzionalizzato per minimizzare i disagi a carico di studenti e famiglie. 

Ultimo aggiornamento: 17:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci