Attori non vaccinati e senza Green pass, lo spettacolo teatrale deve fermarsi

Giovedì 21 Ottobre 2021 di Mirella Piccin
Il gruppo teatrale
1

AZZANO DECIMO - Il Gruppo teatro San Bartolomeo di Corva cerca persone che vogliono mettersi in gioco e partecipare alla realizzazione del nuovo spettacolo, “Anno domini 1571 che sarà formato da un cast di circa 40 persone. Questo perchè alcuni attori non sono vaccinati e il palcoscenico rischia di restare vuoto. A spiegare quanto accade è Paride Bellotto (agente di commercio nel mondo dell’arredamento) regista e sceneggiatore, consigliere del circolo culturale della frazione, la stessa che ha fatto nascere il Gruppo teatrale formato da attori non professionisti, ma semplicemente da appassionati del teatro: «Il 7 ottobre si ricorda la battaglia di Lepanto , avvenuta nel 1571. Fu l’ultima grande battaglia navale che vide scontrarsi la Lega Santa formata dai veneziani, spagnoli, Stato pontificio, cavalieri di Malta ed altri contro le navi dell’Impero Ottomano. La compagine cristiana era capitanata da don Giovanni d’Austria fratello del re di Spagna Filippo II – precisa il regista Bellotto -. Dopo la vittoria cristiana , il papa Pio V disse che grazie alla pratica del rosario appena promulgata e all’intervento della Santa Vergine, i cristiani avevano vinto a Lepanto. Da allora la chiesa festeggia il 7 ottobre, Maria Madonna del Santo Rosario. Questa è la storia del nuovo copione di “Anno Domini 1571”». 


ATTORI NON VACCINATI


Uno spettacolo che necessita di tante persone, «ma dei 36 attori e attrici, 6 non sono vaccinati - spiega il regista -. Non entro nel merito delle scelte, dico solo che questo mi crea dei problemi. Ci sarebbero i tamponi, ma queste persone hanno deciso proprio di non partecipare. Quindi sto cercando attori amatoriali per alcune parti nello spettacolo. Chi desidera maggiori informazioni mi può contattare al numero 338/3386710. Se non riesco a rimpiazzare gli attori non vaccinati, dovrò andare in scena con meno persone, o ridurre il testo e i personaggi. Con ogni probabilità, lo decideremo nel prossimo incontro, quest’ultima sarà l’opzione che sceglieremo. Il nostro Gruppo ha perso un amico attore di Cordenons, Gino, per Covid, nonostante fosse vaccinato, una grossa perdita essendo un bravo attore, attivo e pieno di entusiasmo». 


SPETTACOLI FERMI


Il nuovo spettacolo è stato scritto nel 2019 da Bellotto e Mauro Bozzetto, che ne hanno seguito anche la scenografia, poi sospeso nel 2020 per l’arrivo del Covid, ripreso a marzo di quest’anno e poi un nuovo stop, e di seguito la morte dell’amico-attore, ha fatto si che i tempi si allungassero: «L’obiettivo era quello di mandarlo in scena prima di Natale, ma siamo costretti a rinviarlo al 2022, speriamo per Pasqua - sottolinea -. Abbiamo altri spettacoli fermi per l’emergenza sanitaria, come “Padre Marco D’Aviano” in programma all’istituto Brandolini di Oderzo. Ci auguriamo che il prossimo anno si possa operare con meno restrizioni». Il Gruppo teatro San Bartolomeo ha cominciato a farsi conoscere nel 2013 con lo spettacolo “Quid est veritas?”: «Il tutto è nato da un’idea legata proprio a Corva - conclude Bellotto - e alla Madonna del Rosario, che la comunità di Corva festeggia ogni anno. Da lì, io e Bozzetto siamo partiti con degli studi che ci hanno fatto capire come questa festività del 7 ottobre fosse stata istituita in ricordo della Battaglia di Lepanto contro i Turchi, combattuta nel 1571».

 

Ultimo aggiornamento: 13:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA