Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, vaccini in ritardo per gli over 50: decine di multe cancellate ogni giorno. Ecco come fare per annullarle

Lunedì 27 Giugno 2022 di Marco Agrusti
Un centro vaccinale
1

Vaccini, obblighi, divieti e multe. Sembrava tutta roba molta e sepolta, una parentesi sbiadita dall’inesorabile e progressivo ritorno alla normalità, nuova o vecchia che sia. E invece c’è una macchina, quella della burocrazia, che non si è mai fermata. E guidata da una fiscalità a volte miope ha continuato a procedere con il passo dell’emergenza, e non con quello del post-disastro. Ancora oggi, infatti, non si è arrestata la pioggia di multe a carico di chi entro il 31 gennaio del 2022 non si era ancora vaccinato pur avendo più di 50 anni. E il provvedimento colpisce anche chi la terza dose l’aveva ricevuta dopo la scadenza, ma non certo per una sua volontà, bensì per il tremendo intasamento delle liste d’attesa che si era verificato proprio nei mesi clou dell’inverno. Il risultato? Un’ondata non di contagi, ma di proteste. Con il bersaglio unico rappresentato dai dipartimenti di prevenzione. Solo a Pordenone, ogni giorno gli operatori ricevono almeno una decina di segnalazioni in presenza, senza contare le mail.


IL PROBLEMA


«La normativa - spiega Lucio Bomben, direttore del dipartimento - è stata pensata in un momento di totale emergenza e presenta dei tratti di una rigidità estrema. Entro il 31 gennaio, infatti, i cittadini con più di 50 anni dovevano avere ricevuto la dose booster del vaccino contro il Covid. Ma non è sempre stato possibile seguire quella tabella di marcia». Proprio in quei giorni, infatti, anche il Friuli Venezia Giulia affrontava l’ennesima ondata di contagi. Meno grave delle precedenti dal punto di vista clinico, ma con i numeri di base più alti di sempre. Tanti appuntamenti per la vaccinazione saltarono proprio a causa del contagio del “candidato” all’iniezione. Ma questo dettaglio la norma nazionale non lo considera. Resta fissa la data del 31 gennaio come unico criterio chiamato a distinguere un cinquantenne in regola da uno passibile di multa. «I cittadini che sono stati costretti ad aspettare il proprio turno ben oltre il 31 gennaio - ricorda Bomben - sono tantissimi. Ma per lo Stato sono tecnicamente non vaccinati entro la scadenza fissata. E quindi ricevono la lettera dell’Agenzia delle entrate con la multa di 100 euro». 


LE PROTESTE


«Pochi giorni fa - è uno degli aneddoti raccontati dal direttore del dipartimento di prevenzione di Pordenone - si è presentata al nostro sportello una coppia di Sorrento. Si sono trasferiti da poco nella nostra provincia. Avevano ricevuto la lettera dell’Agenzia delle entrate perché non risultavano vaccinati con la terza dose. I loro documenti riportavano la data del 7 febbraio». Avevano ricevuto l’iniezione solo una settimana dopo la scadenza, ma solo perché l’appuntamento era possibile unicamente in quel momento. «E abbiamo immediatamente firmato le carte necessarie all’annullamento della sanzione», ha spiegato Bomben. E nemmeno i numeri mentono: più della metà delle multe comminate agli over 50 per la mancata vaccinazione, infatti, in seno all’AsFo viene semplicemente annullata. «Tutti questi casi, riferiti a persone che in realtà si sono correttamente vaccinate ma che lo hanno semplicemente fatto in ritardo (per una questione di necessità, non per una mancata volontà di prendersi per tempo, ndr), non pagheranno nemmeno un euro. Questa è la nostra linea. Abbuoniamo il procedimento anche a chi ha ricevuto il booster vaccinale a marzo o ad aprile», ha concluso Bomben. 

Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 10:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci