Covid, la protesta dei genitori e dei ragazzi: «In discoteca si balla lo stesso»

Martedì 20 Luglio 2021 di Marco Agrusti
Una foto d'archivio di una discoteca a Lignano

Le file di giovani, ansiosi di tornare a un divertimento estivo che di per sé nessuno si sentirebbe né di stigmatizzare, né tanto meno di negare, non sono passate inosservate. Il primo vero fine settimana di “pienone” a Lignano, le scuole ormai alle spalle, la possibilità - pur limitata - di tornare almeno tra le mura di quelle che fino a poco fa erano discoteche, e che adesso sono bar improvvisati. Il problema, però, è che all’interno non sempre tutto va come dovrebbe. E proprio al tramonto del week-end, da Lignano sono arrivate numerose segnalazioni: genitori, ma anche ragazzi, preoccupati non tanto dalle file fuori da un locale, quanto di ciò che può accadere all’interno. E che in alcuni casi è accaduto. Le segnalazioni, in particolare, riguardano un locale storico della movida lignanese: il Kursaal di Pineta, tempio del divertimento dei più giovani. 


I FATTI


Nel fine settimana il locale apre come bar. Una strada che in attesa della riapertura delle discoteche hanno percorso molti locali simili. La gestione del rispetto delle norme, però, è complicata, specie se si tratta di “controllare” giovani e giovanissimi. E qualcosa, ogni tanto, rischia di “saltare”. Le segnalazioni arrivate al giornale, infatti, parlano di una situazione interna al locale a tratti più simile a una “vecchia” discoteca che a un bar: in poche parole, i giovani hanno ballato. Normale, fino a qualche tempo fa. Ancora proibito, secondo le restrizioni ancora in vigore. Cambieranno? È probabile, ma nello scorso fine settimana erano ancora al loro posto. È doveroso specificare: non si è trattato di un deliberato “liberi tutti”, ma della difficoltà manifesta di controllare gruppi di giovani che avevano regolarmente prenotato il loro posto. In pillole, più di qualcuno si è alzato dal proprio tavolo e seguendo la musica ha iniziato a ballare. 


LA SPIEGAZIONE


Il titolare del Kursaal, Riccardo Badolato, ha inteso non buttare benzina sul fuoco. Si è limitato a raccontare, da gestore storico di una discoteca, le difficoltà che di questi tempi lo staff deve affrontare per tenere monitorata la situazione, a volte senza riuscirci. «Quando le persone esageravano - ha detto - abbiamo cercato di riportare la situazione alla calma, ma non è sempre facile. Noi siamo aperti nel fine settimana come bar, i posti sono prenotati: siamo di fronte alle stesse cose che possono succedere in un normale locale. I ragazzi si divertono e non è facile. Noi tentiamo in tutti i modi di rispettare ogni normativa». 


LO SCENARIO


A breve, da Roma, potrebbe arrivare la novità che tutti i gestori delle discoteche, compresi quelli di Lignano, stanno attendendo ormai da quasi un anno. Grazie allo sfruttamento dello strumento del green pass (vaccinazione completa, guarigione dal Covid o tampone negativo), le discoteche starebbero per riaprire definitivamente. Una notizia attesa già nei prossimi giorni, che però molti titolari denunciano già come «tardiva». «Doveva essere messa in campo a maggio - spiega Lorenzo Don, volto noto della movida sia di Udine che di Pordenone -: ora un ragazzo rischia di avere la seconda dose a settembre, cioè a estate finita. Se si fosse partiti prima, ora forse avremmo più vaccinati anche tra i più giovani». 

 

Ultimo aggiornamento: 17:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA