Aviano, buoni spesa alle famiglie in difficoltà: uno su tre non aveva diritto

Venerdì 29 Maggio 2020 di Lorenzo Padovan

AVIANO - Conclusa anche ad Aviano la prima fase dell'erogazione dei buoni spesa diretti alle famiglie in difficoltà economica a causa della pandemia, che ha costretto al blocco totale per oltre due mesi numerose attività. Come informa l'assessore Danilo Signore, sono pervenute in municipio 159 richieste da parte dei cittadini. A seguito dell'istruttoria da parte dei Servizi sociali, sono state accolte 115 istanze, mentre 3 sono state ritirate volontariamente dagli interessati. Dieci sono state le domande respinte perché i richiedenti erano già affiancati da altre tipologie di sostegno. Addirittura 31 le istanze che sono state respinte per la mancanza dei requisiti di base.
SITUAZIONE
Il bilancio è dunque sicuramente positivo per quanto riguarda la capacità di fornire una risposta immediata da parte dell'Ente locale, grazie ai fondi inviati dal Governo, ma mette anche in luce come quasi una persona su tre abbia presentato la richiesta di un sussidio economico pur non essendo nella platea dei beneficiari. Ancora una volta, l'Italia dei furbetti ha provato a sfruttare una situazione di emergenza per intascare delle risorse. Un elogio va quindi agli uffici dei Servizi sociali, che hanno analizzato nel dettaglio i singoli curriculum per eliminare chi intendesse approfittarne senza avere alcun diritto. In totale, infatti, ben 41 capifamiglia hanno provato a entrare in possesso di risorse che non spettavano loro, a scapito di chi invece è in reale stato di necessità e si sarebbe visto decurtare l'assegno se non ci fosse stato un controllo così capillare.
CIFRE
Quanto all'importo complessivo erogato dal municipio, questo ammonta a 32 mila 980 euro. Resta previsto un ulteriore intervento pari a 25 mila 916 euro, per un totale di 58 mila 896, considerati pure i 5 mila 601 versati sul conto corrente comunale dedicato alle donazioni Covid-19. «A queste persone generose va il nostro ringraziamento - è il commento di Signore -. Uno dei benefattori, che ha voluto restare anonimo, ha versato mille euro già nel primo giorno utile. Inoltre, fino a oggi sono stati erogati buoni donati dalla Coop di Casarsa-Marsure per più di 500 euro. La grande opera di sostegno che la Caritas effettua quotidianamente, con le parrocchie di Aviano, grazie all'indispensabile contributo dei volontari della Protezione civile, ha reso infine possibile la consegna di decine di pacchi spesa alle famiglie in difficoltà». Un'ulteriore iniziativa di sostegno è stata la Spesa sospesa, attivata a livello regionale con la Commissione pari opportunità, che vede impegnata la Croce rossa con la consegna di altre borse a persone che non riescono ad arrivare a fine mese contando esclusivamente sulle proprie risorse.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA