Caro bollette, la mazzata è già arrivata: dal caffè alla pizza, passando dai primi, ecco la mappa dei rincari al ristorante. Cenare è da ricchi

Sabato 27 Agosto 2022 di Marco Agrusti
Un ristoratore
16

Cinquanta centesimi qua, cinquanta centesimi là. Un consumatore disattento quasi non se ne accorge. Prende gli spiccioli dalla tasca, paga e se ne va. Ma l’aumento c’è, molto più generalizzato di quanto si pensi. Un caffè, il piatto di pasta, la birra e il bicchiere di vino. E se fino a ieri le bollette “impazzite” erano roba da commercianti imbufaliti, adesso il conto si ribalta sul consumatore. E sulle abitudini più radicate di ognuno. 


Caro bollette, aumentano i prezzi


Le bollette (non fa quasi più notizia), sono schizzate verso l’alto. I ristoranti di Pordenone sono alle prese con dei conti da pagare praticamente doppi se non tripli rispetto a quelli dell’anno scorso. Stesso periodo. Gas, ma anche elettricità. E ancora prima della “mazzata” d’autunno ecco i primi aumenti. Anzi, l’allarme più rumoroso arriva da chi i ristoranti li rappresenta, cioè Pier Dal Mas della Fipe ristoratori. L’incubo, infatti, è rappresentato non tanto dagli aumenti di adesso, quanto da una necessità - riscontrata dai gestori dei locali - di ritoccare i listini non una tantum, ma per tutto l’inverno. «Il problema - spiega - non saranno tanto i ritocchi attuali. Io stesso (La Primula, stellato di San Quirino, ndr) ho adeguato i listini passando - per un primo - da 20 a 22 euro. Ci vedremo costretti a rialzare i prezzi a livello mensile, procedendo per piccoli passi. È inevitabile modificare i listini. O così, o si chiude». L’incubo dei ritocchi mensili all’orizzonte, quindi. E non solo di un “piccolo” adeguamento. 


Costi su, sale anche il conto al ristorante


Non serve aspettare ottobre. Tra Pordenone e Udine gli aumenti ci sono già. Pranzare o cenare costa di più. Si parte ad esempio dalla pizza. La farcita, ad esempio, in regione si trova in media a un euro in più rispetto a quanto avveniva all’inizio dell’estate. «Noi - racconta Carlo Nappo, ristoratore pordenonese - abbiamo scelto di aumentare il costo di 50 centesimi. Ma si tratta di una misura ancora non sufficiente a coprire i costi che abbiamo». «Ho una bolletta da 4mila euro, cosa dovrei fare?», spiega Simone dell’Ovest, e siamo sempre a Pordenone. C osì il caffè è passato da un euro e trenta a un euro e cinquanta centesimi. «Non farò lo “strozzino” - prosegue - e aumenterò solo di 50 centesimi laddove i costi sono cresciuti alla fonte». 

Bollette, in arrivo maxi stangata da 11 miliardi per le imprese. Spesa media per famiglie: +711 euro, energia incide su spese trasporti e anche su salute


Bollette gas ed elettricità alle stelle


Un esempio su tutti. Al di là della stangata relativa al gas e all’elettricità, i fornitori delle materie prime alimentari hanno praticato già tre o quattro rincari dall’inizio dell’anno, quando in passato - secondo i ristoratori - questa dinamica si verificava una volta l’anno o anche a livello biennale. «Già a febbraio - spiega ancora Sabrina Gardonio del bar Pecora Nera a Pordenone - abbiamo praticato il primo adeguamento al listino. Ora ci troviamo di fronte all’aumento vertiginoso dei prezzi praticati dai nostri fornitori. Non abbiamo francamente molte alternative e non possiamo sempre rimetterci di tasca nostra». Ci si sposta poi da Cico, in via San Giorgio. «Noi ristoratori - spiega il titolare - dobbiamo stare attenti. Non possiamo aumentare i prezzi a dismisura. Io ho ritoccato i listini di cinquanta centesimi. L’equilibrio è purtroppo molto sottile, perché rischiamo di perdere la nostra clientela e di lavorare di meno. Per pagarci davvero le bollette dovremmo aumentare i prezzi del 20 per cento. Sarebbe impossibile». Un’opinione condivisa: per “rifarsi” della stangata, bisognerebbe rendere di fatto “impossibile” una cena al ristorante. Roba da ricchi.

Ultimo aggiornamento: 29 Agosto, 14:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci