Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nucleare, in Italia oltre 100 bombe Usa. Da Aviano a Ghedi, ecco dove si trovano

Secondo la Nato, lo scopo di mantenere gli ordigni in Europa è proteggere la pace e prevenire le minacce

Giovedì 22 Settembre 2022
In Italia oltre 100 bombe nucleari Usa utilizzabili dalla Nato: ecco dove si trovano

La minaccia nucleare di Putin riguarda anche l'Italia. Sì, perchè il nostro paese ospita ben 113 tra basi americane e Nato e circa 100 bombe a idrogeno di fabbricazione americana, custodite nelle basi di Ghedi, circa 18mila anime in provincia di Brescia e Aviano, 9mila abitanti in provincia di Pordenone. Un dato che, secondo gli esperti, sarebbe il più alto tra tutti i paesi d'Europa. Il condizionale è d'obbligo, in quanto l'Alleanza non comunica ufficialmente quante sono le armi nucleari nei singoli Paesi, e nemmeno la loro localizzazione.  

Mentre Francia e Gran Bretagna hanno proprie armi nucleari, l'Italia non produce né possiede armi di questo tipo ma partecipa al "programma di condivisione nucleare", a cui aderiscono anche Germania, Belgio, Olanda e Turchia. Gli ordigni presenti nel nostro territorio dunque non sono utilizzabili dall'Italia, ma appartengono agli Stati Uniti e possono essere utilizzati solo sotto comando della Nato negli strettissimi casi previsti dall'alleanza. 

Putin, la mobilitazione funzionerà? «Reclute demotivate e armi insufficienti, è una mossa perdente»

Armi nucleari in Italia, dove si trovano 

Dal 2021 il Pentagono ha deciso di rendere segreti i report delle ispezioni di sicurezza che riguardano la presenza di queste armi nel nostro territorio. Per questo la stima sul numero e la localizzazione delle armi nucleari rimane un'ipotesi, formulata soprattutto sui dati forniti dalla Federation of American Scientists, importante organizzazione scientifica con sede a Washington.  

Si sa però quali sono le due basi che ospitano gli ordigni: Ghedi e Aviano. Le due basi operano con modalità operative differenti. Nel dettaglio, Aviano è una sede militare dove gli americani si muovono in autonomia mentre a Ghedi ci sono regole condivise tra i Paesi Alleati.

A Ghedi il paese ospitante (ossia l'Italia) mette a disposizione un vettore su cui poi viene istallata la bomba fornita dagli Stati Uniti. Nell'aeronautica italiana in particolare sono i Tornado e a breve gli F35, a trasportare armi di questo tipo.

Ad Aviano invece sono custodite Le B-61 «vale a dire «bombe nucleari di fabbricazione americana per l’impiego tattico e strategico da caccia e bombardieri» come spiega il direttore di Rid (Rivista italiana DIfesa) Piero Batacchi. In Europa sono schierate le varianti tattiche Mod.3 e Mod.4, con un potenziale regolabile fino ai 45-60 Kt. In poche parole, come spiega al Sole 24 Ore, in caso di utilizo di questi dispositivi nucleari, a Ghedi questi ultimi verrebbero trasportati dalla nostra aeronautica, ad Aviano decollerebbero invece aerei americani attrezzati. 

Basi Nato e porti "nucleari" in Italia 

L'Italia è un paese fortemente strategico per l'alleanza Atlantica, come testimonia il fatto che nel nostro territorio sono presenti 113 basi Nato-Usa. Ci sono poi diversi porti attrezzati per l'attracco di navi o sottomarini che trasportano ordigni nucleari (Cagliari e La Maddalena, La Spezia, Napoli, Gaeta, Taranto, Brindisi, Trieste, Augusta…). La portaerei Truman, ad esempio la primavera scorsa ha attraccato a Napoli e Trieste. 

 

Il programma nucleare Nato in Europa 

Secondo l'Alleanza, lo scopo di mantenere bombe atomiche in Europa è proteggere la pace, prevenire le minacce e dissuadere da eventuali aggressioni contro i Paesi membri. Le circostanze in cui l'Alleanza potrebbe utilizzare queste armi nucleari sono "estremamente remote" secondo la Nato stessa. Tuttavia, qualora la sicurezza di uno qualunque dei Paesi del patto atlantico fosse minacciata, "la Nato ha la capacità e la risolutezza di imporre costi sull'avversario che sarebbero insopportabili e supererebbero di molto i benefici che qualunque nemico possa sperare di ottenere". 

Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci