Supersconto friulano su benzina e gasolio: il taglio dei costi prorogato anche a maggio. Si paga meno che in Slovenia

Martedì 26 Aprile 2022 di Marco Agrusti
Un benzinaio
1

Roma ci sta pensando, il Friuli ha già deciso. Lo scontro extra su benzina e gasolio non finirà con il mese di aprile. Sarà prorogato anche per tutta la durata del mese di maggio. Lo hanno annunciato il presidente regionale Massimiliano Fedriga e l’assessore Fabio Scoccimarro. «E in fase di assestamento di bilancio - ha affermato quest’ultimo - valuteremo la possibilità di proseguire con la misura per il resto dell’anno». In Friuli Venezia Giulia, quindi, anche il prossimo mese costerà meno fare il pieno di benzina e gasolio. 
E se anche il governo sceglierà ufficialmente di allungare i benefici per altri trenta giorni, il vantaggio rimarrà competitivo anche nei confronti delle pompe di benzina slovene, da sempre mete di “pellegrinaggio” da parte degli automobilisti friulani ma nell’ultimo mese diventate meno convenienti rispetto ai distributori di casa nostra. 


LA SCELTA


Un altro mese di extra-sconto. La notizia che tutti i friulani al volante stavano aspettando è arrivata. E una boccata d’ossigeno anche per i gestori delle pompe di benzina di confine, stretti nella morsa dei prezzi sloveni e austriaci. Nello specifico per la zona 1 (Comuni svantaggiati o a contributo maggiorato) il provvedimento ulteriore della giunta ha stabilito che ai 21 centesimi di sconto sulla benzina e ai 14 sul diesel già previsti fino al 31 marzo si aggiunga anche per il mese di maggio un ulteriore abbattimento del prezzo pari a 8 centesimi sulla benzina e 6 sul diesel. Lo sconto regionale quindi raggiungerà quota 29 centesimi per la benzina e 20 per il gasolio. Inoltre, per la zona 2 (Comuni a contributo base), la Giunta ha stabilito che ai 14 centesimi di sconto già in vigore per la benzina per tutto il mese di maggio si aggiunga un abbattimento di prezzo di altri 8 centesimi, raggiungendo così un valore complessivo della riduzione pari a 22 centesimi. 
Per il gasolio, invece lo sconto resterà da 9 a 16 centesimi grazie all’ulteriore contributo di 8 centesimi stabilito dall’Esecutivo. Infine, in base a una legge regionale già in vigore, per i possessori di auto ibride è previsto un ulteriore sconto di 5 centesimi sul prezzo del carburante, portando così ora, con il provvedimento odierno, la riduzione a raggiungere un punta massima di 34 centesimi per la benzina in area 1. 
La decisione consente così di sommare al taglio già definito a livello nazionale pari a 30,5 centesimi anche quello approvato dalla Giunta del Friuli Venezia Giulia, portando così la riduzione del prezzo a sfiorare, in alcune zone, i 60 centesimi al litro per la benzina e i 50 centesimi per il gasolio. Il tutto in attesa delle decisioni del governo, che sta ancora valutando l’estensione degli sconti per il mese di maggio. 


IL FUTURO


«Lo sforzo finanziario profuso dalla Regione - ha detto ieri l’assessore alle Finanze, Barbara Zilli - è importante e gravoso. In fase di assestamento, quando avremo a disposizione una misura esatta relativa all’avanzo di bilancio, verificheremo la possibilità di ampliare e di estendere ancora il bonus carburante ulteriore che è stato stanziato e deciso in sede regionale. Le prime risorse sono state già accantonate per far fronte ai costi attuali. Ma se sarà possibile fare di più lo faremo, sempre tenendo conto che la nostra Regione si muoverà in parallelo rispetto a quanto farà il governo centrale, chiamato a scegliere la tipologia dell’estensione del beneficio che al momento vale su scala nazionale». Si tratta della norma varata dal governo Draghi per tamponare il caro carburanti seguito al processo speculativo che all’inizio di marzo aveva colpito anche la nostra regione oltre al resto d’Italia. 

Ultimo aggiornamento: 27 Aprile, 10:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci