Atomiche, 50 testate dalla Turchia alla Base Usaf

Sabato 28 Dicembre 2019 di Dario Furlan
​La Base Usaf di Aviano è pronta ad ospitare le bombe atomiche dalla Turchia
17

AVIANO (PORDENONE) - Base Usaf pronta ad accogliere le scomode bombe atomiche turche. Quest'anno, infatti, Babbo Natale potrebbe portare in dono alla Base Usaf di Aviano una cinquantina di confetti atomici. Da svariati mesi è sotto osservazione quella che potrebbe essere considerata una sorta di inaffidabilità in chiave Nato del presidente turco Erdogan, più vicino a Putin che a Trump. Una situazione che potrebbe indurre gli Stati Uniti, che in Anatolia usufruiscono della Base aerea di Incirlik con annessi depositi di bombe nucleari di propria pertinenza, a trasferire questo arsenale atomico in un avamposto alternativo del Vecchio Continente. E il sito prescelto sarebbe l'aeroporto pordenonese Pagliano e Gori, sede di uno Stormo dell'Usaf (il 31esimo Fighter Wing) a capacità nucleare. Tale eventuale decisione sarebbe presa specie in considerazione della comprovata fedeltà dell'Italia, che sul tema atomiche non batte ciglio, qualunque sia il colore del governo nazionale. 

LEGGI ANCHE I Verdi si oppongono: «Il Friuli non è un deposito di armi nucleari, il governo si muova»

VOTA IL SONDAGGIO ​​La Base Usaf di Aviano è pronta ad ospitare le bombe atomiche dalla Turchia. Favorevoli o contrari?

I PRECEDENTI
Dell'ipotesi di traslocare le bombe da Incirlik ad Aviano se ne parlò già nel 2016 allorché Erdogan, mentre reprimeva duramente il tentativo interno di un golpe militare, aveva additato gli Usa tra i possibili fiancheggiatori del colpo di stato. In tal senso aveva addirittura fatto staccare l'energia elettrica alla Base, interrompendo l'attività operativa del locale contingente americano impegnato nella lotta contro l'Isis. L'episodio andò faticosamente risolto (sebbene la tensione tra Usa e Turchia si fosse pericolosamente alzata) ma in tempi recenti gli attriti si sono riacutizzati con la vicenda del popolo curdo, alleato di Washington nella caccia all'Isis, altresì nemico storico di Ankara
IL GENERALEDato il crescente antiamericanismo in Turchia e la volontà di Erdogan di avvicinarsi alla Russia, abbiamo urgentemente bisogno di ricollocare le nostre bombe atomiche presenti a Incirlik, e la loro nuova casa potrebbe essere la Base aerea di Aviano in Italia, dato che da un punto di vista logistico non dovrebbe essere troppo difficile. A rilasciare questa esplicita dichiarazione a Bloomberg (multinazionale operativa nel settore dei mass media con sede a New York) è stato il noto Charles Chuck Wald, generale a quattro stelle dell'Air Force in pensione, già comandante del 31esimo Fighter Wing di Aviano dal 1995 al 1997. Molti ricordano la sua presenza in Pedemontana come a dir poco ingombrante, specie quando lasciò metaforicamente il segno sui tavoli degli amministratori locali, onde far capire che il Progetto Aviano 2000 (mega opera infrastrutturale destinata ad allocare stormo e famiglie al seguito) non doveva trovare ostacoli di sorta. Come in effetti è stato, ciclopica burocrazia italica a parte. 

IL TRISTE PRIMATO
Da Incirlik potrebbero quindi sbarcare ad Aviano una cinquantina di bombe nucleari, che si aggiungerebbero alle circa 30 già qui immagazzinate, almeno secondo quanto ripetutamente divulgato dagli analisti del settore. Questi ultimi hanno inoltre recentemente reso noto che al Pagliano e Gori si stanno apportando specifiche migliorie, quali il rafforzamento delle misure anti intrusione, nonché la costruzione di una nuova clinica, ovvero i laboratori nei quali si provvede alla periodica manutenzione di questi particolari e delicati ordigni. Le dichiarazioni del generale Wald sono ancor più autorevoli di quel che sembra: l'ex comandante conosce infatti a menadito l'aeroporto di Aviano, sa quante atomiche vi sono già custodite e, soprattutto, quante altre ancora se ne possono immagazzinare. E a questo punto Aviano acquisirebbe un discutibile primato: diverrebbe il maggior deposito atomico presente in Europa Occidentale. 
Dario Furlan 

Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre, 17:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA