Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il bar cerca personale ma non assume uomini: «Solo donne e sotto i 30 anni». Esplode la polemica

Mercoledì 17 Agosto 2022 di Marco Agrusti
Il bar cerca personale ma non assume uomini: «Solo donne e sotto i 30 anni». Esplode la polemica
7

PORDENONE - Inutile prenderci in giro, di solito succede il contrario. Troppe donne sono ancora discriminate sul posto di lavoro. La maternità, i congedi, i pregiudizi e le polveri residue di una società patriarcale troppo poco passata per essere remota. E un caso di segno opposto non basta a pareggiare la partita doppia dei soprusi. Però fa rumore. Arriva da Pordenone e la storia si scrive al bar della stazione ferroviaria, punto d’incontro e di passaggio per i viaggiatori. Come accade praticamente ovunque, i titolari cercano personale. Merce preziosa. Il cartello si limita a questo, ma basta una domanda per arrivare alla verità. «C’è posto per un ragazzo?». «No, assumiamo solo donne». 


PORTE CHIUSE


Sei un giovane barista che ha bisogno di un lavoro oppure che vuole iniziare la sua carriera al bancone in uno dei bar più trafficati di Pordenone? Allo “Zonzo” (così si chiama il locale che ha riaperto da pochi mesi all’interno dello scalo ferroviario) per te le porte sono chiuse. Perché il bar ha scelto di tingersi solamente di “rosa”. Lavorano le donne e si assumono altre donne. Stop. Fosse accaduto il contrario? Polverone assicurato. Cento per cento. E senza la visita casuale di un cliente, probabilmente nessuno si sarebbe nemmeno accorto di questa forma così “originale” di selezione e - perché no - di discriminazione. «Ho chiesto lavoro per mio figlio - ha raccontato - ma la commessa mi ha risposto che sarebbero state assunte solamente donne». Un fatto, questo, confermato ieri mattina direttamente al bancone, sempre da una dipendente del locale che accoglie i viaggiatori alla stazione di Pordenone. 


LA SPIEGAZIONE


Perché solo donne e niente uomini “tra le scatole”? «Tra ragazze - è la parziale ma sincera spiegazione che viene fornita tra una tazzina di caffè e i primi spritz della tarda mattinata -, ci capiamo semplicemente di più. E poi - un sospiro - abbiamo sempre lavorato così e non vogliamo cambiare». Ma quindi non posso dire a un mio amico che cercate personale? «No, solo donne». E poi l’ultima strettoia. «Donne sotto i 30 anni». 


IL DIBATTITO


Il bar della stazione di Pordenone mancava ormai da anni. C’era un “buco” al suo posto. Ora torna a far parlare di sé, e dopo l’entusiasmo per la riapertura diventa protagonista di un caso al confine tra l’ovvietà (diranno alcuni) e l’importanza. Sta di fatto che indipendentemente dagli orientamenti e delle sensibilità, il dibattito si è già acceso. Il bar della stazione è l’unico a mettere questo steccato tra uomini e donne? Molto probabilmente no. «Mi lasciano perplesse questa scelte di preferire un sesso o l’altro, penso che tutti debbano avere il diritto di lavorare - polemizza sempre il padre del giovane che non potrà lavorare al bar della stazione -. Non lamentiamoci poi, se i giovani preferiscono rimanere a casa». Interviene anche la presidente del Comitato regionale per le pari opportunità, Dusy Marcolin. «Si tratta di un’evidente discriminazione. Noi difendiamo entrambi i sessi». Ma il presidente locale della Fipe la vede diversamente: «Ogni imprenditore è libero di scegliere». Anche se a rimanere “fuori” fossero state le donne? Il dubbio è quantomeno lecito

Ultimo aggiornamento: 07:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci